Cerca

Trattativa

Alfano risponde a Napolitano:
"La fiducia in Berlusconi è ben riposta"

Il vicepremier parla col Colle: "Il Cav manterrà le sue promesse". Poi sul ribaltone assicura: "Nel Pdl nessuno appoggerà mai un governo con Pd e M5S"

Angelino Alfano

Angelino Alfano

Angelino Alfano risponde a Giorgio Napolitano. Dopo la nota del Colle in cui Re Giorgio afferma di "porre fiducia sul senso di responsabilità di Berlusconi", il vicepremier e segretario del Pdl afferma: "La fiducia del capo dello Stato è ben riposta - ha ricordato il vicepremier Angelino Alfano - Berlusconi è il leader politico che da due anni sostiene governi che non sono guidati né da lui né da esponenti del Pdl". Poi Alfano chiarisce anche le indiscrezioni su un'eventuale ribaltone per un Letta-bis: "Il governo Letta e soprattutto il premier non cercano maggioranze alternative. Nessuno del Pdl appoggerà mai un governo sbilanciato a sinistra con Pd e M5S". L'intervento del capo dello Stato nel giorno in cui la crisi sembrava ormai alle porte, ha avuto il suo effetto."Dopo che Napolitano si è esposto così - afferma un esponente del Pdl - aprire la crisi significherebbe anche andare allo scontro frontale con il capo dello Stato".

Prudenza - Insomma le colombe hanno portato a casa una piccola vittoria. Ma anche i falchi tirano il freno a mano e lasciano che a decidere sia come sempre Silvio Berlusconi: "Una decisione del genere Berlusconi la prende solo con la sua famiglia, e con i vertici delle sue aziende. Perchè in ballo c’è la sua libertà", sottolineano fonti vicino a Palazzo Grazioli. "Il governo cade? Dipende dal Pd e da Napolitano", ha spiegato Daniela Santanché che, ai microfoni di Radio Capital, ha invitato Napolitano ad agire con lo stesso senso di responsabilità portato avanti dal Pdl in questi mesi. "Per Napolitano è il momento dell’attuazione di questa responsabilità - ha affermato a Santanchè - non solo della richiesta". (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renatino1900

    06 Settembre 2013 - 15:03

    ricorda ai BANANAS che il PDL ha sostenuto e votato tutte le leggi del governo Monti, per poi scaricarlo per motivi elettorali e infiammare il povero cervellino dei votanti PDL. ricorda anche che nel Governo attuale ci sono cinque ministri e 15 sottosegretari, uno dei quali è Vice Primo Ministro, lui medesimo. ma c'è qualcosa di inquietante nell'articolo: " Ma anche i falchi tirano il freno a mano e lasciano che a decidere sia come sempre Silvio Berlusconi: "Una decisione del genere Berlusconi la prende solo con la sua famiglia, e con i vertici delle sue aziende. Perchè in ballo c’è la sua libertà"? comportamento assolutamente democratico, non vi pare? il delinquente abituale deciderà se far cadere il governo non con i vertici del partito, di plastica, ma con la sua famiglia e i vertici delle sue aziende! incredibile!

    Report

    Rispondi

blog