Cerca

Aventino Pdl

Giovanardi non firma le dimissioni:
Credo che non sia il modo giusto"

L'ex ministro ai rapporti con il Parlamento: non credo sia il modo migliore per costringere le forze politiche ad assumersi responsabilità nei confronti del Paese

Carlo Giovanardi

Carlo Giovanardi

Dovevano essere dimissioni di massa dei parlamentari Pdl. Ma più passano le ore più cresce il malumore tra gli azzurri. La prima a firmale è stata, manco a dirlo, Daniela Santanchè che ha dichiarato di averle scritte "con inchiostro indelebile". Per andare incontro a quelli che ancora non hanno scritto la lettera è Renato Brunetta che, come scrive il Messaggero, ha preparato un modulo prestampato. Poco o nulla si sa delle dimissioni della super-colomba Gaetano Quagliariello che non vuole né la crisi, né le dimissioni. Idem per Maurizio Lupi, il ministro delle infrasrutture che pur confermando la fedeltà assoluta a Silvio, non ha nessuna intenzione di staccare la spina al governo delle larghe intese. Viene meno e lo dice senza mezzi termini l'insospettabile Carlo Giovanardi che così argomenta la sua scelta: "Non ho firmato e non firmerò le dimissioni perché ritengo non siano la modalità giusta per costringere le forze politiche ad assumersi le responsabilità nei confronti del paese, soprattutto in vista della prossima imminente campagna elettorale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • federossa

    29 Settembre 2013 - 17:05

    come quei "supereroi" di FINI_CASINI_CICCIOBELLO_MONTI eccc, anche i _NARDI scompariranno dalla scena politica ITALIANA. Meglio perderli, che averli come AMICI.

    Report

    Rispondi

  • bensarob

    29 Settembre 2013 - 10:10

    se mai ci saranno delle prossime elezioni ecco chi finiranno nelle liste del dimenticatoio...d'altronde in Italia ci servirebbe della gente in gamba e visto che nei politici non si trovano perchè non usare il modello sanità salerno con un bel colonello dei carabinieri? a presidiare

    Report

    Rispondi

  • brunero48

    29 Settembre 2013 - 00:12

    Ho votato Berlusconi ma adesso tutto è cambiato. Berlusconi ha fatto il suo tempo.La gente in giro non vuole altre elezioni e ha paura di quel che accadrà con una crisi di governo. Pertanto è chiaro che la crisi in questo momento per la gente è provocata da Berlusconi e non dalla sinistra. Alle elezioni il PDL non si illuda di prendere molti voti.Anche con il POrcellum continuerebbe a perdere.La gente è stufa di Berlusconi, processi, IMU sì IMU no. La gente vuole un governo stabile che faccia alcune riforme radicali e magari che tagli un pò di spesa pubblica.

    Report

    Rispondi

  • Frenki

    28 Settembre 2013 - 16:04

    Fa ben sperare questa notizia, non tutto è marcio nel PDL, senza i delinquenti si può ancora ricostruire il centrodestra. Quello che ci vuole è solo un po di coraggio da parte di chi è pulito e che non si sente servo di nessuno. La speranza dev'essere l'ultima a morire e finchè c'è dignità c'è ancora speranza. Non abbiamo bisogno di bugiardi e venditori di fumo per vincere, ci vogliono solo persone oneste e volonterose che parlino serenamente al cuore degli italiani.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog