Cerca

La lettera del leader

Berlusconi: "Letta e Napolitano non sono affidabili"

Silvio spiega le mosse degli ultimi giorni: "Sono stato costretto. Ho scelto la via del voto non per i miei guai giudiziari ma perché si è nettamente evidenziata la realtà di un governo ostile"

Berlusconi: "Letta e Napolitano non sono affidabili"

Silvio Berlusconi non molla la linea dura. In una lettera inviata al settimanale Tempi il Cav spiega le sue ragioni e chiarisce il perchè delle dimissioni dei ministri del Pdl dall'esecutivo. Berlusconi mette nel mirino il premier e il Quirinale, colpevoli di non aver mosso un dito per tutelare la sua agibilità politica dopo la condanna in Cassazione per il processo Mediaset: "Enrico Letta e Giorgio Napolitano avrebbero dovuto rendersi conto che, non ponendo la questione della tutela dei diritti politici del leader del centrodestra nazionale, distruggevano un elemento essenziale della loro credibilita' e minavano le basi della democrazia parlamentare. Non si sono opposti al mio assassinio politico".

"Deluso da tutti" - Poi il Cav definisce "inaffidabili" Letta e Napolitano:  "Come puo' essere affidabile - prosegue l'ex premier - chi non riesce a garantire l'agibilita' politica neanche al proprio fondamentale partner di governo e lascia che si proceda al suo assassinio politico per via giudiziaria?". Insomma Berlusconi non si fida. Il voto sulla sua decadenza è alle porte. Il 4 ottobre la Giunta per le immunità si pronuncerà per farlo fuori da palazzo Madama poi la parola passerà al Senato. In mezzo c'è la fiducia a Letta. Il Cav sembra determinato ad andare avanti per la sua strada. E' deluso, amareggiato.

"Pd colpevole" - Così punta il dito contro gli alleati di governo del Pd: "I democratici (compreso Matteo Renzi) hanno tenuto un atteggiamento irresponsabile soffiando sul fuoco senza dare alcuna prospettiva politica. Resistere per me è stato un imperativo morale che nasce dalla consapevolezza che senza il mio argine – che come è evidente mi ha portato ben più sofferenze che ricompense – si imporrebbe un regime di oppressione insieme giustizialista e fiscale. Per tutto questo, pur comprendendo tutti i rischi che mi assumo, ho scelto di porre un termine al governo Letta".

"Alle urne"
-  Infine Silvio spiega perchè secondo lui il "voto è l'unica strada possibile": "Ho scelto la via del ritorno al giudizio del popolo non per i miei guai giudiziari ma perché si è nettamente evidenziata la realtà di un governo radicalmente ostile al suo stesso compagno di cosiddette larghe intese. Un governo che non vuole una forza organizzata di centrodestra in grado di riequilibrarne la sua linea ondivaga e subalterna ai soliti poteri interni e internazionali". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • SalvatoreLionet

    21 Marzo 2014 - 19:07

    Silvio non mollare, ti stanno massacrando con l'unico mezzo che sanno manovrare bene "la giustizia". Nel lontano 1994 la tua discesa in campo ha scombussolato i loro piani perchè credevano che dopo manipulite ,astutamente orchestrato,la strada per loro era in discesa. Sanno solo scaricare responsabilità agli altri e nascondersi. Le tue capacità sono indiscusse, sei autentico, ti hanno pugnalato.

    Report

    Rispondi

  • numetutelare

    05 Ottobre 2013 - 17:05

    Chi se ne infischia di Napolitano, Letta Renzi, Berlusconi Alfano etc... Quello che non abbiamo ancora chiaro (anzi é chiarissimo) é che fine facciamo noi! Ma tanto siamo dei cittadini con così poco senso dello stato che invece di avere critica politica abbiamo tifoserie di partito. Il governo é esattamente quello che ci meritiamo, a destra ed a sinistra...

    Report

    Rispondi

  • Akito

    03 Ottobre 2013 - 16:04

    in effetti ancora non abbiamo capito che i poteri centrali dipendono da giochi di speculazione,svendite, corruzione,malcostume e purtroppo è valida la legge dell'imbrunire e quindi come i grandi imperi,anche Berlusconi ha dovuto cedere.E' il popolo italiano che è vessato,tradito,vilipeso come sempre e deve saper reagire.Chi conta è l'operaio che vede licenziarsi,o il professionista cacciato da un'azienda,il trionfo del disservizi,le tasse che lievitano,Alfano che crede alla successione come se dopo il tradimento del programma possa sperare nei voti.Re giorgio ha destreggiato bene con tali immaturi soggetti e ha posta l'Italia al salvo.Ma va là come si può essere meschini a tale punto da non cedere i piragna che mangiano le nostre bellezze.

    Report

    Rispondi

  • alejob

    03 Ottobre 2013 - 11:11

    Siamo o no Italiani?. Perchè coloro che si sono ribellati al CAV dovevano seguirlo?. Perchè dovevano perdere la poltrona (Sapendo in partenza) che se si andava alle elezioni, non venivano più eletti e dovevano andare a pulire i cessi. Siamo Italiani o no. Chi di voi spara contro se stesso per far piacere ad un'altro, NESSUNO. Solo una cosa è certa, quelli che hanno fatto i voltagabbana, saranno gli SCHIAVETTI della sinistra e dovranno sempre dire SI se vogliono stare seduti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog