Cerca

Lo scacchiere

Verso la crisi, tutti gli uomini di Letta, Alfano e Berlusconi

Colombe, lealisti, ma anche ricucitori e lettiani. Il premier rischia la poltrona. Ha fatto male i conti. Al Senato ha solo 3 voti di scarto. Ecco chi sta con chi....

Alfano, Letta e Berlusconi

Alfano, Letta e Berlusconi

Si va verso la crisi. Letta ostenta finta sicurezza: "Ho i numeri per durare. Al Senato la maggioranza c'è". E invece i numeri dicono altro, perchè la quota per governare è 161. Letta ha di sicuro dalla sua parte 164 voti. Lui però fa il conto su 172, non tenendo conto delle tensioni del Pdl/Forza Italia e soprattutto della spaccatura di Scelta Civica. Così i voti "reali" di scarto per andare avanti sono soltanto 3. E' inquesto quadro che la crisi potrebbe essere alle porte. Lo strappo dovrebbe farlo il Cav. Ma in questa fase le fazioni si vanno delinenando e contano nomi e numeri per spingere sull'acceleratore.. La galassia delle colombe continua a crescere. Sono loro che potrebbero salvare Letta. Le colombe sono per definizione "alfaniane".

Gli uomini di Alfano
- Letta può contare sul sostegno di Nunzia De Girolamo, Beatrice Lorenzin, Carlo Giovanardi, Maurizio Lupi, Roberto Formigoni, Fabrizio Cicchitto, Maurizio Sacconi, Gaetano Quagliariello, Casero, Santelli e Saltamarini. Chi in Senato fa riferimento a queste colombe quasi certamente se dovesse aprirsi uno scenario di crisi cercherebbe di tenere Letta a palazzo Chigi. Dall'altro lato del campo ci sono invece i lealisti. La fazione che è "leale" solo a Berlusconi. Guidati da Raffaele Fitto sono completamente antitetici alle colombe. Premono per il voto anticipato e hanno imbarcato anche i "falchi".

Gli uomini di Silvio
- Al "partito lealista" sono iscritti: Minzolini, Fitto, Gelmini, Carfagna, Santanchè, Verdini, Bondi, Santanchè, Brunetta, D'Alessandro. Sono loro gli uomini di Silvio pronti a tutto pur di far cascare Letta. Ma ora si affaccia una nuova fazione che è quella dei "ricucitori". Ravetto, Schifani, Matteoli, Leone, Gasparri, Bonaiuti, Calabria, Vito e Romani cercano di ricucire il partito ma comunque vorrebbero tenere Letta a palazzo Chigi. Su questi tre fronti si gioca la partita della crisi. Se il Cav stacca la spina una di queste tre "squadre" avrà la meglio e in gioco c'è una fetta di elettori moderati che poi alle urne deciderà con chi schierarsi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • operalnero

    27 Ottobre 2013 - 10:10

    Se non ci fossero i poveri coglioni come te e quelli che ti rappresentano, forse qualcosa di buono si sarebbe potuto fare.

    Report

    Rispondi

  • operalnero

    27 Ottobre 2013 - 10:10

    Ma la vuoi smettere con la tua lagna? Sei pregato di rispondere e di non scappare: se la rovina italiana è imputabile a Berlusconi,come si spiega quella di altri Paesi dell'UE? Anche lì governava Berlusconi? Come ti spieghi i risultati ottenuti dalla Le Pen in Francia? Apri gli occhi,non incartarti solo su Berlusconi,ma non vedi che le crisi sono volute dalla plutocrazia internazionale? Non vedi che il trattato di Maastricht ci ha tolto ogni possibilità di uscire dal tunnel del debito pubblico? Sei proprio un ometto da bar.Adesso rispondimi con le solite offese,ti avviso che mi farai un baffo:sei troppo ripetitivo e perciò prevedibile.

    Report

    Rispondi

  • operalnero

    27 Ottobre 2013 - 08:08

    Ma quanto sei solerte nel voler enunciati i meriti delle 'belloccIe',comincia piuttosto ad elencare i meriti delle Bindi,Finocchiaro,Melandri ecc,alcune delle quali persino sfornite di quelle che tu chiami 'speciali doti',quindi anche sgradevoli alla vista.

    Report

    Rispondi

  • er sola

    26 Ottobre 2013 - 18:06

    In tutte queste vicissitudini del Pdl, della tenuta del governo, dei falchi e delle colombe è un po' di tempo che non si sente parlare di Lady boldrini. Non che la cosa interessi più di tanto ma, è sempre la?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog