Cerca

Cinguettata finale?

Pdl, Formigoni: "Il dado è tratto, hanno voluto la rottura"

Su Twitter l'ex governatore lombardo recita il requiem degli azzurri: "Così fanno il male dell'Italia"

Roberto Formigoni

Roberto Formigoni

Poche righe, consegnate a Twitter, che assomigliano a un requiem e sembrano anticipare l'esito del Consiglio nazionale di domani, sabato 16 novembre (ammesso che si svolga). "Ormai il dado è tratto, hanno voluto la rottura, con rabbia e odio. E con questo fanno il male dell'Italia, degli elettori, del partito e di Berlusconi". Così il senatore del Pdl, Roberto Formigoni, colomba, alfaniano. La frase è stata scritta proprio mentre il vicepremier Angelino Alfano e il ministro Maurizio Lupi incontravano a Palazzo Grazioli Silvio Berlusconi, obiettivo: evitare la spaccatura del partito. Nel corso dell'incontro, il Cav ha spiegato: "Non comprendo le divisioni, ho cercato di unire". Il leader ha aggiunto che vorrebbe "lavorare insieme per un rilancio di valori".

Cicchitto all'attacco - In precedenza era stato Fabrizio Cicchitto ad alzare ulteriormente il livello dello scontro. Intervistato a Coffe Break su La7, aveva spiegato: "Prima di decidere se andare al Consiglio nazionale voglio capire qual è la linea politica, capire la collocazione strategica, perché per noi il centrodestra è collocato al centro, senza estremismi". Il deputato azzurro, colomba e filogovernista, ha ribadito: "Se devo entrare in una nuova formazione politica chiedo le regole, e se non vengono sciolti questi nodi - ha ribadito - certamente non andrò al Consiglio nazionale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • numetutelare

    17 Novembre 2013 - 09:09

    Formigoni ha due tare... é democristiano nel senso peggiore ma é anche ciellino. Sia chiaro, lui dopo la decadenza da governatore non aveva futuro e ha manovrato per trovare un nido presso Alfano, un vero cuculo politico... Ma il tempo é galantuomo e non si fa infinocchiare dalle maniere di un abate azzeccagarbugli mancato.

    Report

    Rispondi

  • alejob

    16 Novembre 2013 - 13:01

    tu sei un vero mafioso, ti credi di volare senza ali ma un giorno non lontano, ti accorgerai che di ali ne vogliono molte. Con la ciurma che ti sei messo e con il balbuziente di Cicchitto, con il conoglio Alfano e daltri, credo non farai molta strada. Conosci il proverbio della nonna: (NON LASCIARE MAI LA STRADA VECCHIA PER LA NUOVA, PERCHE' SAI QUELLO CHE LASCI MA NON SAI QUELLO CHE SI TROVA. Berlusconi ha fatto uno sbaglio ENORME, per buttarvi fuori dai COGLIONI doveva decidersi per le ELEZIONI e cosi spazzava la MONNEZZA che lo circondava.

    Report

    Rispondi

  • maria leinardi

    16 Novembre 2013 - 11:11

    Alfano pensa male ,i traditori non anno scampo,sarà la sua fine

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    15 Novembre 2013 - 16:04

    Lo diceva mio padre, meglio un calcio sui coglioni, che un democristiano dietro la porta....! Fulminati dalla sfilza di poltrone ministeriali, ostentate loro dal furbastro compagno Letta, come specchietti per le allodole, finalmente le colombe targate Pdl, spiccano il volo per andarsene a ffanculo e di corsa da bravi farabutti opportunisti...! Però noi cacciatori Pdl, li aspetteremo al varco, con doppiette e sovrapposti caricati a sale....!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog