Cerca

Il processo mediaset

Processo Mediaset, Berlusconi: "Abbiamo sette nuovi testimoni"

Processo Mediaset, Berlusconi: "Abbiamo sette nuovi testimoni"

"Chiederemo la revisione del processo". Silvio Berlusconi è determinato. Il Cav non accetta la condanna del processo Mediaset e respinge tutte le accuse mosse dai giudici che lo hanno condannato a 4 anni per frode fiscale. In una conferenza stampa, convocata a Roma, nella sede di Forza Italia, Berlusconi parla delle nuove "carte" che possono ribaltare la sentenza della Cassazione sul processo Mediaset. "Il fisco americano - spiega l’ex premier - sta per procedere con una causa verso Franck Agrama e altre persone ritenute responsabili di evasione fiscale importante, da queste situazioni emergono testimonianze di importanti dirigenti del gruppo Agrama che dimostrano come la vicenda che vede il gruppo Agrama protagonista sia una vicenda da cui Silvio Berlusconi è assolutamente, completamente estraneo, altri sono i protagonisti e sono dichiarati in modo chiaro, senza possiblità che si possa interporre alcun dubbio".

Nuovi testimoni -  Berlusconi poi annuncia l'asso nella manica: "Con le carte arrivate dagli Stati Uniti contiamo di avere 12 testimonianze completamente nuove" che aiuterebbero a ribaltare la sentenza definitiva sul processo Mediaset. Berlusconi sostiene che “queste testimonianze smentiscono le basi della condanna” e cita la testimonianza dell’ex ad del gruppo Agrama che si sarebbe detta “scioccata” per la sua condanna. Il Cavaliere ha letto un affidavit della manager: “Sivio Berlusconi non ha mai ricevuto nessun pagamento da Agrama (condannato a 3 anni dalla Cassazione e considerato socio occulto, ndr), Gordon o Lorenzano né da qualsiasi altra persona loro connessa. Berlusconi non ha mai partecipato allo schema da loro ideato per spartirsi i profitti”.

Rinviare il voto sulla decadenza - E ancora: “Io credo che questa testimonianza, come le altre undici, smentiscano alla base quello che ha deciso il collegio feriale della Cassazione per quanto riguarda la mia condanna”. Poi il Cav ha parlato anche della sua decadenza che verrà messa al voto mercoledì 27 novembre: "Chiedo di rinviare il voto sulla decadenza e aspettare che si esprima la magistratura e la Corte Ue, altrimenti sarebbe una macchia incancellabile per il Parlamento e vi assumereste una grave responsabilità. Abbiate rispetto della mia dignità". "Dopo decine di colloqui senza risultato- dice il Cav- ho ritenuto di scrivere una lettera ai senatori del Pd e del M5s". La lettera inizia così: "Io sogno un'italia in cui lo scontro politico non cancelli il rispetto per le persone. Siamo avversari ma non per questo dovrebbe venire meno il rispetto reciproco come persone che hanno una dignità" Il Cav poi lancia un anatema ai suoi avversari politici: "se mi caccerete dal Senato, sarà una vergogna che ricadrà per sempre su di voi e sui vostri figli".

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu521

    27 Novembre 2013 - 16:04

    Certo! I sette nani

    Report

    Rispondi

  • white warrior

    26 Novembre 2013 - 15:03

    Gente che è abituata a ripetere le volgarità che ha imparato da bambino e quelle apprese strada facendo verso l'idiozia conclamata da chi è più fanatico di lui, non è in grado di capire che il ribrezzo che suscita è al di là delle parole, non solo di quelle che certa gente balbetta in continuazione. Fra i processi che la Sinistra giudiziaria usa contro B., una assoluzione qui e una condanna là possono indurre in errore chi non è interessato alle imprese di magistrati schierati politicamente in modo inequivoco con una chiarezza d'intenti inversamente proporzionale alla conoscenza della lingua italiana in modo da stravolgere le regole del diritto. Raramente ripeto gli stessi errori, non ritenendomi infallibile neppure in questo, ma è sicuro che non ripeto mai quello che sento in giro; capisco, però, che non coglie e in ogni caso, che non ammetta la differenza chi ripete sempre se stesso, non riuscendo a andare oltre un elementare esercizio di copiato delle parole d'ordine della Sinistra.

    Report

    Rispondi

  • fearofthedark

    fearofthedark

    26 Novembre 2013 - 13:01

    perchè tanta paura? ma perchè tanta pirlaggine da parte sua! ma faccia una piccola riflessione, sempre ne sia capace, se è vero che il pregiudicato è stato raggirato e le plusvalenze se le sono divise gli altri per quale motivo non li ha licenziati? indirettamente il pregiudicato si è fregato da solo, in quanto durante il processo ha sostenuto che non esistevano plusvalenze ma che erano normali tariffe di mercato, ora invece sostiene che esistevano questa plusvalenze ma che lui non ne ha beneficiato! per quanto riguarda la testimonianza della appleby (prestanome di agrama) sapeva tutto dal 2006 (lei dice che testimonia solo oggi perchè solo oggi ha saputo del processo del pregiudicato), per quale motivo testimonia solo oggi?

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    26 Novembre 2013 - 10:10

    e ti ricordi male. te lo ha spiegato bruno osti. tu ripeti, pedissequamente, le balle dette dal delinquente abituale... i processi nei quali il delinquente è stato assolto sono altri, ed Esposito non poteva ribaltare nessun giudizio... o almeno, se la Corte Costituzionale avesse avvisato irregolarità, avrebbe ordinato il rifacimento del giudizio in toto o in parte. oppure avrebbe potuto, ma la Corte nel suo complesso, confermare la sentenza, come effettivamente è stato... ma dato che tu sei un ignorante Bananas che ripete pedissequamente le parole del delinquente abituale non te ne rendi conto...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog