Cerca

La versione di Repubblica

Forza Italia, la "black list" di Berlusconi: basta tv per Gasparri, Mussolini, Santanchè e Biancofiore

Il Cavaliere vorrebbe nei talk e nei tg volti "rassicuranti" per conquistare i moderati indecisi. E spuntano già i nomi dei possibili "rampanti"

Forza Italia, la "black list" di Berlusconi: basta tv per Gasparri, Mussolini, Santanchè e Biancofiore

Facce più "rassicuranti" e "gentili" nei tg e nei talk show per conquistare gli elettori moderati. Sarebbe questo, secondo Repubblica, l'ultimo diktat di Silvio Berlusconi, preoccupato che a rappresentare in tv Forza Italia siano spesso gli esponenti più arrabbiati (o prezzemolini). Sul quotidiano di Mauro è Carmelo Lopapa a far saltar fuori maliziosamente già qualche nome di questa "lista di proscrizione": Maurizio Gasparri, Alessandra Mussolini, Daniela Santanchè e, un po' a sorpresa, anche Michaela Biancofiore, Laura Ravetto e Lara Comi. Scorrendo gli "epurati" televisivi si comprende come il loro eventuale accantonamento dai piccoli schermi non corrisponda a un declassamento all'interno del partito, visto il peso specifico degli interessati. Al Cavaliere però non andrebbe giù il rapporto privilegiato e personale di questi esponenti azzurri con direttori e conduttori televisivi: di fatto, è la tesi di Repubblica, Gasparri & co. riuscirebbero a organizzare autonomamente le proprie presenze in tv e per questo servirebbe un po' di "ordine". 

I "favoriti" del Cav - La responsabile comunicazione di Forza Italia, Deborah Bergamini, nega con forza l'esistenza di "black list" e pressioni dall'alto per favorire le presenze nei talk di questo o quel politico. Eppure secondo Repubblica oltre ai proscritti esisterebbero anche i favoriti, i volti cioè che Berlusconi preferirebbe vedere in tv nei prossimi mesi convinto che possano attirare la simpatia degli indecisi. Tra questi ci sarebbero il capogruppo alla Camera Renato Brunetta, sempre più braccio destro del capo, la neocoordinatrice lombarda Mariastella Gelmini, Mara Carfagna, l'ex governatrice laziale Renata Polverini. In ascesa anche le quotazioni della coordinatrice in Campania Jole Santelli e della senatrice piemontese Maria Rizzotti. Un borsino che inevitabilmente è destinato a variare, perché il gradimento (in politica, ma soprattutto in tv) non è mai eterno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • oasicarlos

    07 Gennaio 2014 - 17:05

    1) Repubblica fa il suo mestiere, la guerra a chi non e' comunista. 2) Apprezzo Libero che informa senza pregiudiziali. 3) FI e poi PDL ha perso 17 anni senza far politica attiva nel territorio pensando di stravincere le elezioni con la sola presenza mediatica.... ora, dopo il lancio dei club Forza Silvio ci ricascano? 4) Siamo ancora un popolo attratto dalle telenovelas e dalle veline o iniziamo a essere in qualche modo parte attiva nel quotidiano, ognuno in base alle proprie possibilita'?

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    07 Gennaio 2014 - 09:09

    si è bevuto il cervello. brunetta al massimo fa concorrenza a crozza! la polverini è l'immagine perfetta della falsità.. le altre due, bob ci sono parole

    Report

    Rispondi

  • rocc

    06 Gennaio 2014 - 20:08

    ma perché Libero cita la repubblica che cerca, e ci riesce, di mettere zizzania nel campo di Forza Italia? e immancabilmente gli antiberlusconiani postano il loro veleno sul blog di Libero. Ricordo che il grande Reagan si vantava di non leggere il New York Times. Si parva licet...si potrebbe qualche volta non leggere la repubblica.

    Report

    Rispondi

  • KARLOS-VE

    06 Gennaio 2014 - 14:02

    Meglio DUDU

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog