Cerca

La squadra

Verso il governo Renzi: ecco i ministri di Matteo

Maria Elena Boschi

Maria Elena Boschi

Le trattative frenetiche vanno avanti. Enrico Letta vede Napolitano, ma anche Renzi è salito al Colle. In questo intreccio di incontri e di dichiarazioni, ora di guerra ora di pace, l'ipotesi che pare prendere sempre più piede è quella di una staffetta Enrico-Matteo che porti il rottamatore a palazzo Chigi senza passare per le urne. Se il segretario dovesse andare al governo a quel punto l'intera truppa renziana entrerebbe nell'esecutivo. E lui la squadra di governo ce l'avrebbe già pronta. I due nomi certo sarebbero quelli di due donne: la fedelissima (e bellissima) Maria Elena Boschi, già responsabile per le riforme nella segreteria Pd, andrebbe al posto di Gaetano Quagliariello alle Riforme. E la presidente della Camera Laura Boldrini verrebbe imbarcata a Palazzo Chigi allo scopo di arpionare nella maggioranza Sinistra e Libertà. Sicuro di andare agli Interni al posto di Angelino Alfano dovrebbe essere Graziano Delrio. Per il dicastero-chiave, quello dell'Economia, si fanno i nomi di Lorenzo Bini Smaghi, Pier Carlo PadoanLucrezia Reichlin, ma anche dell'amministratore delegato di Luxottica e buon amico di Renzi, Andrea Guerra (che è dato in lizza anche per lo Sviluppo economico al posto di Flavio Zanonato). Lorenzo Guerini, attuale portavoce di Renzi, potrebbe essere promosso alla sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. E poi, restando ai fedelissimi del segretario, un posto a Palazzo Chigi potrebbe esserci anche per Dario Nardella, sempre che Renzi non preferisca lasciargli la successione come sindaco di Firenze. 

Dodici posti - Un paio di anni fa, prima delle primarie che lo videro soccombere di fronte a Pier Luigi Bersani, Renzi disse che la sua squadra si sarebbe composta di soli dieci posti, cinque donne e cinque uomini. Ora il numero potrebbe crescere a una dozzina, non di più, secondo quanto riferiscono deputati vicini al segretario. Potrebbero entrare un esponente della minoranza cuperliana e uno della corrente franceschiniana (forse Chiara Braga all'ambiente). L'area alfaniana di Nuovo centrodestra verrebbe alquanto ridimensionata: al posto della De Girolamo all'agricoltura si fanno i nomi di Ernesto Carbone, Paolo De Castro, Enrico Costa. Potrebbe non esserci più un vicepresidente del Consiglio e Ncd perderebbe pure il posto alle Infrastrutture, oggi nelle mani del ciellino Maurizio Lupi. 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    14 Febbraio 2014 - 22:10

    Tale affermazione? Uno che porta come Minitro Epifani che può essere ? Uno che pensa alla Boldrini ( attenta Agnese può darsi che di gusti stia cambiando ), odiata da tutti tranne che da Vendola ? Non sarà che è un trans ? Di esempi di tal genere nel PD ne abbiamo già avuti. RENZI ... sei già partito male !!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • alejob

    13 Febbraio 2014 - 20:08

    Tua nonna non ti ha mai detto ( Quando la merda monta in scanno o puzza o fa danno), Io aggiungo, Più veloce voli in alto e più presto scendi in basso. Guarda di non farti tanto male. Auguri

    Report

    Rispondi

  • scaran

    13 Febbraio 2014 - 01:01

    senza offesa per gli asini renzi sta mettendo gli italiani nelle mani delle escort e la prima ha già 5 incarichi e la boldrini ha già fatto la sua parte di pagliacciate,la Daddario sarebbe degna erede.Torna Firenze e cerca di liberare l'arno e la città dai ratti e le zoccole e poi chi ti ha eletto? i soli comunisti stolti come te con le primarie!!!!! Buffone Pinocchio

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    12 Febbraio 2014 - 15:03

    Boldrini: Ministro, perfetto ! una con la puzza al naso sta proprio bene lì. Un pallonaro già ben noto a capo del governo che ci porterà ancora più nella m.... . Di meglio in meglio. Guardate Firenze ed ascoltate i Fiorentini che ne pensano. Mi vien da ridere .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog