Cerca

La risposta

Letta: "Se Renzi vuole il mio posto lo dica"

Enrico Letta

Enrico Letta

"Le dimissioni non si danno per manovre di partito". Enrico Letta parla in conferenza stampa dopo il faccia a faccia di questa mattina con Matteo Renzi e ribadisce la sua volontà di restare in sella a palazzo Chigi. Insomma il premier per il momento dice no all'ipotesi di staffetta con Matteo Renzi. Letta presenta il suo nuovo patto di coalizione "Impegno Italia" e lo propone ai suoi alleati della maggioranza. "Voglio presentare Impegno Italia, il patto di coalizione insieme alla maggioranza che ha sostenuto il mio governo e che voglio ringraziare.Perchè sono rispettoso delle regole e degli impegni presi, il Pd ha chiesto che ci fosse prima l’impegno sulla legge elettorale. Io sono un uomo del Pd". L'auspicio espresso dal premier è che "il patto ci veda tutti impegnati in modo sintonico senza perdere tempo. Se perdita di tempo c'è stata non è colpa mia", dice il premier.  

Non mollo - Letta non fissa scadenze per il suo lavoro: "Non metto una data a Impegno Italia, questa legislatura deve farci uscire dall’emergenza. La durata di Impegno Italia per me è legata al compimento delle riforme, cioè della legge elettorale, del Senato, del titolo V della Costituzione. Terminato questo processo ritengo che il lavoro possa essere legato a questo".

Messaggio per Renzi - Poi una bordata a Renzi: "Ieri mi hanno chiesto se mi dimettevo: le dimissioni non si danno per dicerie o manovre del palazzo, per un retroscena. Il rispetto delle istituzioni merita chiarezza. Chi vuole venire qui al posto mio deve dire cosa vuole fare".

Come un monaco -
E facendo riferimento alle parole con cui nei giorni scorsi Matteo Renzi aveva lanciato l'hashtag #enricostaisereno, ha spiegato che se fosse per lui ora "l'hashtag sarebbe #iosonoserenoanzizen". Non solo: "Dopo questa esperienza - ha chiosato - potrei perfino insegnare pratiche zen in qualunque monastero".
Il premier fa anche un bilancio della sua attività di governo: "Abbiamo preso il timone di questo Paese quando c'era il segno meno, oggi il Paese ha il segno più. E' una crescita piccola, ma significativa. Il debito scende, il deficit è sotto il 3%. Ora crescita e lotta alla disoccupazione", afferma il presidente del Consiglio. Basterà il nuovo "patto" per salvare la poltrona di palazzo Chigi?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aldogam

    12 Febbraio 2014 - 19:07

    La situazione migliora... il debito scende... o l'Istat ci dà delle bufale, o Letta ha un'idea molto personale dei numeri.

    Report

    Rispondi

  • angryant

    12 Febbraio 2014 - 19:07

    hanno voluto la bicicletta?...prima bersani poi letta poi magari renzi ...ma quanto ancora dobbiamo aspettare per avere un governo? si continua a "mercanteggiare", "farsi dispetti e guerre" secondo la migliore tradizione di sinistra sulla pelle degli italiani......speriamo che chi li vota tra i disoccupati, cassintegrati e disperati in attesa di provvedimenti sia contento...e' ovvio che napolitano non voglia elezioni, perderebbero miseramente alla faccia della democrazia ...

    Report

    Rispondi

  • FABFED

    12 Febbraio 2014 - 19:07

    credo che la lista dei buoni (?) propositi Letta la poteva fare prima che si sentisse sfilare la sedia da sotto il sedere Fabrizio Federici

    Report

    Rispondi

blog