Cerca

Occhio al portafogli

Matteo Renzi, con lui al governo l'incubo della patrimoniale

Matteo Renzi

Matteo Renzi

I nomi in ballo sono noti, ma la squadra manca ancora. Come, nei fatti, manca un premier: Matteo Renzi, infatti, deve ancora ricevere l'incarico e giurare. Però il programma di governo del sindaco del Pd comincia a girare, mentre l'Italia si interroga su che cosa Matteo vorrà fare una volta arrivato a Palazzo Chigi. Le notizie non sono buone. Certo, a fronte di alcuni ambiziosi provvedimenti, il Belpaese, con Renzi al governo, rischia una nuova infornata di tasse. Ma procediamo con ordine.

Le idee - Il premier in pectore, nel suo programma, prevede un taglio dell'Irap, in particolare dell'aliquota del 10%, con un risparmio di imposta per le aziende stimato in 2,5 miliardi di euro. Taglio anche dell'Irpef per i redditi più bassi: vuole diminuire di un punto le prime due aliquote (23% fino a 15mila euro; 27% tra 15mila e 28mila euro; un pacchetto di misure che comporterebbe circa 5 miliardi di minor gettito). Per quel che concerne il lavoro, il prossimo premier vuole prevedere degli incentivi per l'assunzione di giovani con meno di 30 anni: secondo i piani, le aziende dovrebbero pagare solo i contributi previdenziali, ma non le imposte. Sempre in tema di lavoro, Renzi pensa a un contratto d'inserimento a tutele progressive, che rende più semplici i licenziamenti. Per chi perde il lavoro, in particolare per i non-ricollocabili, l'ex sindaco di Firenze vorrebbe un assegno universale di tutela, un reddito minimo garantito a cui potrebbero attingere circa 4 milioni di persone.

La stangata - Un programma ambizioso, dunque. Ma la domanda è sempre la stessa: e le coperture? Nelle intenzioni dovrebbero arrivare dalla fantomatica spending review, dalla riduzione dello spread e dunque degli interessi sul debito e dal rientro dei capitali all'estero (gli stessi argomenti che proponeva Enrico Letta...). E se tutto questo non bastasse, e non basterà, ecco il piano B: una tassazione delle rendite finanziarie, ossia una sorta di patrimoniale. L'idea sarebbe quella di inasprire il prelievo sui titoli di Stato, e dovrebbe andare ad intaccare i 3.800 miliardi di euro complessivamente detenuti dalle famiglie in ricchezze finanziarie. E se non dovesse bastare ancora, ecco la "seconda parte" della patrimoniale: la Tasi, rivista e corretta, ossia una nuova maxi-tassa sulla casa. Con Renzi al governo, come sempre con la sinistra, fate attenzione al vostro portafogli...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lallalalla

    17 Febbraio 2014 - 02:02

    le rendite finanziarie rendono già quasi nulla, a meno di non guadagnare - per caso - in borsa !!?? una minipatrimoniale su conti banca e depositi banca, più ritocco aliquota PirlaLetta c'è giàn stato e incrementato. la patrimoniale sui risprmi in mattone C'è, C'è, C'è, C'è, C'è. E più che una patrimoniale è un colpo di grazia che ha paralizzato l'economia del paese ed innalzato le spese sanitarie. E' così spropositata che tutti stanno male. Politici italiani centrosinistri ed anche papalini andate a morire ammmmm .... che bella festa ??? la Merkel ingrassa e noi dimagriamo. L'unico che ha voglia di festeggiare è Hollande perchè ha un buon stipendio ed una casa super raffinata.Ahimè Merde

    Report

    Rispondi

  • arwen

    15 Febbraio 2014 - 15:03

    No, qui c'è puzza e basta!

    Report

    Rispondi

  • marks

    15 Febbraio 2014 - 14:02

    Falce e merda/martello e' in azione , scusate soldi non ce ne sono , nessuno lavora ? 15 milioni di clandestini im lista d'attesa verso l'Inps , quindi che fare ? Basta ridurre di qualche milionata il piu'grande esercito del mondo degli inutili statali ,che l'Italia alla canna del gas non puo' piu' permetersi di mantenere e tagliare le pensioni piu' grandi , limite massimo erogabile dall'Inps 2500 euro. Ha dimenticavo , rimandare a casa i clandestini senza arte ne parte a meno che non ci siano persone che garantiscano personalmente il loro mantenimento portandoseli a casa propria.

    Report

    Rispondi

  • carlo58

    15 Febbraio 2014 - 14:02

    è la sola possibilità per il pinocchio fiorentino di durare e non fare. per usare espressioni a lui care.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog