Cerca

BIBLIOTECA

Lapertosa: "Il bambino possibile
Guida alla fecondazione assistita"

0

Dopo 37 interventi di giudici e tribunali nel corso dei suoi quasi 12 anni di vigenza, è ben poco ciò che resta della legge 40 del 2004 sulla procreazione medicalmente assistita (PMA) nella sua formulazione originale. Quasi tutti i suoi 'capisaldi' sono stati annullati e cancellati, mentre le associazioni dei pazienti e vari gruppi politici chiedono una revisione totale della legge. Nonostante ciò, sono ancora molti gli ostacoli che deve affrontare una coppia che oggi in Italia voglia sottoporsi a fecondazione assistita, come le restrizioni poste negli ultimi mesi ai rimborsi dei cicli di PMA da diverse Regioni o la difficoltà di reperire gameti per la fecondazione eterologa. Nuove possibili modifiche si prospettano sulla legge 40, ma spesso il quadro di ciò che è consentito fare dalla legge in tema di fecondazione non è sempre chiaro. Un aiuto potrà venire dal nuovo testo di legge, come quello presentato dalla senatrice De Biasi e unificato ad altri ddl simili in esame presso la Commissione Sanità del Senato, che riscrive le regole della PMA tenendo conto di tutte le modifiche apportate dai tribunali e aprendo alla ricerca sugli embrioni sovrannumerari, e dal libro “Il bambino possibile. Guida alla fecondazione assistita” (Il Pensiero Scientifico Editore), di Adele Lapertosa, giornalista dell'Ansa e del Fatto quotidiano, presentato alla Sala Nassirya del Senato con la moderazione di Maria Emilia Bonaccorso, caposervizio redazione 'Ansa Salute' alla presenza di Emilia Grazia De Biasi, presidente commissione Sanità del Senato e Filomena Gallo, segretario Associazione Luca Coscioni. Si tratta di una piccola ‘guida per l’uso’, un vademecum scritto in modo semplice e comprensibile, per spiegare alle coppie che pensano di sottoporsi a fecondazione assistita come funziona tutto il percorso, cosa bisogna aspettarsi e come affrontarlo con la consulenza degli esperti del settore, e qualche consiglio pratico. (EUGENIA SERMONTI)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media