Cerca

DOVE MI CURO?

I 20 migliori skin center italiani
per trattare il tumore della pelle

ThatMorning ha attivato un tavolo di confronto con specialisti di tutta Italia: ne è nata una panoramica regione per regione dei centri più specializzati nel trattamento di queste neoplasie

0
I 20 migliori skin center italianiper trattare il tumore della pelle

I tumori della pelle, insieme a quelli sottocutanei, rappresentano oltre il 15 per cento di tutti i tumori diagnosticati nel mondo. Si tratta inoltre di neoplasie che colpiscono maggiormente la popolazione maschile rispetto a quella femminile. Questo è quanto rivelano i dati dell’Associazione italiana registro tumori (Airtum), dai quali si evince un ulteriore informazione sulla quale vale la pena riflettere: quelli della pelle sono i tumori più comuni al mondo. La prevenzione rimane lo strumento più efficacie per ridurre l’incidenza dei tumori cutanei e per questo motivo è necessario affidarsi a centri dalla comprovata esperienza al fine di assicurarsi un corretto inquadramento della patologia e la pianificazione della terapia. In questa direzione ThatMorning, la mappa dei migliori ospedali d'Italia on line, ha attivato un tavolo di confronto  con gli specialisti in tutta Italia al fine di condividere criteri omogenei e quantitativi di confronto tra le varie dermatologie ed oncologie su dati come numero dei ricoveri e degli interventi eseguiti in un anno, outcome clinici, profili professionali dell’equipe clinica, pubblicazioni scientifiche e tecnologie impiegate. Come risultato della ricerca, ecco, regione per regione, una panoramica dei centri più specializzati nel trattamento del tumore alla pelle:

Piemonte e Valle d'Aosta

Presso l’Istituto oncologico Candiolo con la specialità in chirurgia dei tumori della pelle, diretta dal dottor Alessandro Zaccagna, che ogni anno conta più di 300 interventi per tumori alla pelle.

Lombardia

Presso l’Istituto europeo di oncologia è attiva l’unità di chirurgia del melanoma, sarcomi e tumori rari diretta da Elisabetta Pennacchioli assieme all’ambulatorio di diagnostica cutanea specializzato nel realizzare percorsi personalizzati in base al rischio del singolo paziente di sviluppare tumori della pelle.

Trentino Alto Adige

Presso Azienda sanitaria dell'Alto Adige l’ospedale di Bolzano con il reparto di dermatologia, diretto dal dottor Klaus Eisendle, il cui ambulatorio effettua oltre 100 mila prestazioni l'anno e i ricoveri annuali sono circa 500.

Veneto

Presso l’Istituto oncologico veneto, il cui programma terapeutico polispecialistico comprende il gruppo multidisciplinare ambulatoriale e le unità operative per l’oncologia del melanoma e la chirurgia oncologica.

Friuli Venezia Giulia

Presso il reparto di oncologia dell’ospedale della Misericordia di Udine, diretto dal dottor Gianpiero Fasola, dove lo scorso novembre si è tenuto il convegno sull’immunoterapia dei tumori che ha richiamato esperti da tutta Italia.

Liguria

Presso l’Azienda ospedaliera universitaria San Martino la cui dottoressa Paola Queirolo è la presidente uscente dell’Intergruppo melanoma italiano, impegnata nel campo della ricerca scientifica in ambito oncologico.

Emilia Romagna

Presso l’Azienda ospedaliera universitaria di Modena, la cui clinica dermatologica è presieduta da Giovanni Pellacani preside della facoltà di medicina presso l’università degli studi di Modena e Reggio Emilia.

Toscana

Presso l’Azienda ospedaliera universitaria di Careggi con la nuova unità integrata di area vasta centro denominata Melanoma&skin cancer unit che comprende, oltre a quella fiorentina, anche le dermatologie di Empoli, Pistoia e Prato.

Umbria

Presso l’Azienda ospedaliera Santa Maria di Terni con il dipartimento di oncologia che include l’Unità per i melanomi e i tumori rari diretta dalla dottoressa Sonia Fatigoni.

Marche

Presso l’Azienda ospedaliera Umberto I di Ancona, la cui clinica di dermatologia è diretta dalla  professoressa Anna Maria Offidani, dove è stato pubblicato il percorso terapeutico assistenziale dedicato alla gestione del paziente affetto da melanoma.

Lazio

Presso la Melanoma unit dell’Istituto dermopatico dell'immacolata diretto dal dottor Gianluca Pagnanelli che coordina l’attività di dermatologia e oncologia, insieme ad altri specialisti, quali ad esempio chirurghi, radiologi e istologi per il trattamento del melanoma.

Abruzzo

Presso l’ospedale Santo Spirito di Pescara con l’unità operativa semplice dipartimentale è attivo il servizio di dermatologia diretto dalla dottoressa Antonella Legge. La struttura conta più di 450 interventi chirurgici all'anno per i tumori alla pelle e al sottocutaneo.

Molise

Presso la Fondazione di ricerca e cura Giovanni Paolo II di Campobasso con il dipartimento di oncologia diretto dal dottor Fabio Rotondi che offre il trattamento del melanoma cutaneo presso la sua chirurgia plastica ricostruttiva.

Campania

Presso l’Istituto nazionale tumori ‘fondazione G. Pascale’ e il suo dipartimento melanoma, centro d’eccellenza per il melanoma e diretto dal dottor Corrado Caracò.

Puglia

Presso l’ospedale generale regionale ‘F. Miulli’ ad Acquaviva delle Fonti, la cui unità operativa complessa di dermatologia e venereologia è diretta dal dottor Nicola Arpaia.

Basilicata

Presso il presidio ospedaliero ‘Madonna delle Grazie’ a Matera la cui unità operativa complessa chirurgia plastica è diretta dal direttore Michele De Robertis e e offre assistenza a più di 150 ricoverati all’anno per tumori alla pelle.

Calabria

Presso l’Azienda ospedaliera pugliese ‘Ciaccio’ di Catanzaro e la sua melanoma unit coordinata dall’unità operativa di dermatologia e che prevede l'interdisciplinarietà fra varie unità operative quali anatomia patologica, chirurgia generale, medicina nucleare ed altri ancora.

Sicilia

Presso la chirurgia plastica oncologica dell’Azienda ospedaliera Cannizzaro, afferente al centro grandi ustioni e diretta dal dottor Rosario Ranno.

Sardegna

Presso l’Unità di genetica dei tumori di Sassari il cui responsabile professor Giuseppe Palmieri è inoltre presidente dell’Intergruppo melanoma italiano.(MATILDE SCUDERI)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media