Cerca

Star

Claudio Baglioni a Trieste, concerto davanti a 3mila persone

Claudio Baglioni a Trieste, concerto davanti a 3mila persone

Che Claudio Baglioni sia un grande professionista non è certo una novità, ma quello che è accaduto due giorni fa a Trieste, dove faceva tappa il suo ConVoi ReTour, lo conferma ampiamente. Come riportato dalla collega de IlGazzettino.it, Elisabetta Batic, l’affluenza al concerto è stata decisamente bassa, sugli spalti del Pala Trieste ci sono state solo tremila persone, nonostante quella fosse l’unica data regionale.

Il pubblico era eterogeneo, composto da tanti cinquantenni, ma pure da una parte di giovani nostalgicamente romantici. Qualcuno sostiene che il dato sia assolutamente in media rispetto a tutti gli altri concerti, ma in Rete c'è anche chi lamenta un eccessivo costo del biglietto. In tempi di crisi come questo concedersi certi sfizi pare sia sempre più complesso. In realtà, per prendere parte al concerto si poteva scegliere di spendere dai 70 ai 25 euro e la platea (con il prezzo più alto) era gremitissima, su quelle poltrone sedevano i fedelissimi, gli affezionati che lo seguono a prescindere. Beh, nonostante tutto, il cantante ha seguito alla lettera la scaletta, cantando per quasi tre ore con la stessa carica e la stessa intensità di sempre.

Ha iniziato con Notte di Note per poi cimentarsi nelle più classiche Poster, Amore bello, Io me ne andrei, Sabato Pomeriggio, Strada Facendo. Ha concluso con Con Voi. Trentasei pezzi in tutto, come se fosse di fronte a 20-30 mila persone, numeri che in passato sono stati alla sua portata.
Non ha tagliato sulla qualità insomma, e la cosa gli fa onore. Lo avrebbero fatto tutti? Chissà… Spesso infatti, ci giunge notizia di attori o cantanti che di fronte a una platea semi vuota preferiscono battere ritirata piuttosto che ringraziare i presenti rendendo loro omaggio con la migliore delle performances possibili.

di Antonella Luppoli

La rettifica:
Ferdinando Salzano, promoter nazionale di tutti i concerti live di Claudio Baglioni dal 2004, ha rilasciato la seguente dichiarazione e richiede pronta smentita: "Ignoro come 3.000 presenze al concerto di Trieste possano essere interpretate come un dato negativo. Com'è noto la configurazione predisposta per il concerto di Claudio Baglioni era di 3.285 posti; pertanto quello registrato lo scorso venerdì 7 novembre è un dato che sfiora il sold out. Come per altro ampiamente sottolineato in tutti gli articoli di resoconto delle altre testate (il Piccolo, Tg3, etc), pubblicati a seguito dell'evento".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dariogoffrini

    12 Novembre 2014 - 12:12

    Un evidente sintomo del fatto che le persone si stanno stancando di quelli che stanno cantando da una vita e che dovrebbero ritirarsi per cedere il palco ad artisti più giovani...il discorso della crisi è del tutto scontato

    Report

    Rispondi

  • robipunto

    11 Novembre 2014 - 01:01

    "Che Claudio Baglioni sia un grande professionista non è certo una novità", Per me lo è.....

    Report

    Rispondi

  • donatella.cortellucci

    10 Novembre 2014 - 21:09

    Ed allora niente onore.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    10 Novembre 2014 - 16:04

    Ha fatto solo una canzone carina ed è vissuto di rendita. Ma se vuole pubblico vada di nuovo a Lampedusa: i nuovi arrivati tra un pranzo e un telefono nuovo potrebbero apprezzare.

    Report

    Rispondi

    • magoelite

      12 Novembre 2014 - 06:06

      Detto di un Artista che ha sfornato 12 album, praticamente tutti primi in classifica per settimane, con quel "La vita è adesso" che è l'album più venduto in Italia della storia, con almeno 30 successi "evergreen", e con lavori come "oltre" fatto a 4 mani collaborando con Peter gabriel, con stadi riempiti da 40 anni... direi che la tua affermazione sta gia nella psichiatria.... mauro, napoli

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog