Cerca

I dieci comandamenti

Benigni, altro record per i 10 comandamenti: 10 milioni di spettatori

Benigni, altro record per i 10 comandamenti: 10 milioni di spettatori

Nella notte della seconda puntata, seconda parte e secondo record, Roberto Benigni, con il suo I dieci Comandamenti si riconferma il "primo" in casa Rai; 10.000.000 di spettatori e 38% di share. Insomma il comico toscano Premio Oscar, è riuscito a battere gli ascolti già stellari della prima puntata: 9 milioni, per oltre il 33% di share. Ma di stellare non c'è stata solo l'adesione del pubblico ma anche il cachet da circa 4 milioni di euro corrispostogli da "mamma" Rai (Noi). Nella bellissima serata unica nota amara è per l'altro record che Benigni non è riuscito a bissare, ovvero quello del suo passato show sulla Costituzione, La più bella del mondo (12,6 milioni e 44% a dicembre 2012). 

La serata - Dopo essere riuscito a decantare e spiegare, solo i primi tre Comandamenti, nell'ultima puntata Benigni ha dovuto sacrificare, ancor più di quanto non avesse fatto nella prima, la satira su politica ed attualità. Comparse nelle sue battute solo nella parte iniziale: "Grazie per gli ascolti, quasi quasi vi regalerei 80 euro" e poi ancora "Dio ci ha fatto un trattamento di favore, perchè ha scritto questo comandamento (Non Rubare) proprio per noi italiani, è una norma ad personam, anzi pare lo abbia scritto direttamente in italiano. E' quello al quale si obbedisce di meno, in Italia lo capiscono solo i bambini". Tra i vari tipi di furt quello più deprovevole per l comico è : "non dare la possibilità di lavoro a una persona: significa rubargli l'esistenza". Poi riprende con la predica che già aveva ben pagato al debutto: "Dobbiamo dire sì alla vita, inginocchiarci davanti all'esistenza", dice commosso, prima di chiudere con una citazione di Walt Whitman.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fepellettieri

    26 Dicembre 2014 - 19:07

    Chiunque si accinga a parlare o scrivere sui dieci comandamenti (le famose “dieci parole” da Dio rivelate al suo popolo sulla santa montagna), per la necessaria chiarezza dovuta nei confronti di chi lo sente o lo legge, dovrebbe innanzi tutto precisare se le proprie riflessioni si basano esclusivamente sul testo cosi come scritto nei libri sacri dell’Antico Testamento (Esodo 20, 2-17 e Deu

    Report

    Rispondi

  • frenke2

    17 Dicembre 2014 - 19:07

    i soldi spesi per questi programmi sono ben spesi ,non altrettanto si puo dire di certi programmi tipo quello di barbara durso ,li si tocca il fondo

    Report

    Rispondi

  • rocc

    17 Dicembre 2014 - 16:04

    confesso che mi è piaciuto, anche se alcune cose le ha dette per amore di battuta: a sentir lui pare che rubano solo in Italia, ma pure all'estero non scherzano; non uccidere: mai citato l'aborto (Benigni è pur sempre un compagno); infine, l'infatuazione mi è sembrata eccessiva (perché non ascoltare anche Rino Cammilleri del Giornale?); non ho visto la Costituzione, ma il 44% è eccessivo

    Report

    Rispondi

  • ilsognodiunavit

    17 Dicembre 2014 - 15:03

    Ha fatto anche qualche riferimento al caso Marò?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog