Cerca

Tv ad alta tensione

Silvio nel pollaio Annunziata
resiste e rilancia:
condono tombale ed edilizio

Berlusconi su Raitre unico ospite di "Leader", circondato da sindacalisti della Cgil e giornalisti di sinistra 
Silvio nel pollaio Annunziata
resiste e rilancia:
condono tombale ed edilizio

Sette anni come un turno di guardia nella notte. Sembra ieri, ma l’ultima volta che si erano trovati in diretta l’uno davanti all’altro era il 13 marzo 2006. L’impressione di un déjà vu (o di un bel po’ di tempo buttato) è difficile da togliersi sulla sigla di testa di «Leader», il programma di Lucia Annunziata che ieri sera ha ospitato Silvio Berlusconi. Anche allora si era a fine legislatura, col Cav dato per sconfitto a un passo dal voto, e voci su indicibili recuperi.

Nel 2006 finì col «Mi alzo e me ne vado», ieri la cosa è iniziata un po’ meglio.  Si parte con un impaccio gelido. Berlusconi sta su un panchetto di legno senza nessuno intorno (a differenza dei tre ospiti precedenti di «Leader»), e spiega: «La squadra? Il Milan è in ritiro... e poi così ho tutta l’attenzione».

L’ex premier parte attaccando la par condicio e Sanremo: «Confermo, andava spostato. La Littizzetto e altri sembrano proprio preparare un’edizione contro di me, ma questo ci premia. Non mi fanno paura». 

Il dibattito con gli ospiti in studio tira fuori un Cav combattivo nel gestire una platea plasticamente ostile: sindacalista di sinistra, professore bocconiano, giornalista tedesco, direttore di «Europa», cronista dell’«Espresso», imprenditori incacchiati. Torna fuori la questione del condono, sul quale Berlusconi aveva incassato il no della Lega. Il leader Pdl insiste: «Niente multe per chi salda i conti con Equitalia, e sul resto se avremo la maggioranza assoluta in aula faremo il condono edilizio e tombale».

Roberto Perotti, professore della Bocconi, stuzzica il Cav: «Per le sue promesse ci vorrebbero 145 miliardi. E poi come fa a dare 4 milioni di posti di lavoro se in Italia ci sono 3 milioni di disoccupati...». Berlusconi parla di conti sbagliati, l’Annunziata dice ma come, è un bocconiano, e lui: lo vedo come sono bravi, guardi Monti... E  vabe’.  Landini (Cgil) assalta sul condono come sberla agli onesti. La replica è quella del «primo contribuente italiano», il quale però incassa il colpo, poi ha un guizzo sui 40 miliardi di tasse chiesti dal sindacato. «Comunque qui siete tutti contro di me, ma sto ancora aspettando le proposte della sinistra». C’è netta confusione in studio (parla chi vuole), l’accerchiamento si completa con l’esponente di «Imprese che resistono» che ricorda all’ex premier le promesse non mantenute sull’abolizione  dell’Irap, prima della pubblicità.

Segue Udo Gumpel, corrispondente in Italia della tv tedesca che si lancia in una tirata contro Berlusconi di circa 4 minuti, dove ricorda anche l’abusatissimo episodio della telefonata con Erdogan che fece attendere la Merkel. La replica di Berlusconi è prevedibile parola per parola: lo stesso identico schema andato in onda da Santoro, ma più noioso perché il Cav appare più stanco, meno sorridente, rabbioso contro Fini che «ha alzato del 5% gli stipendi del pubblico da vicepremier». Da lì in poi è un casino, c’è gente a cui sta sull’anima Berlusconi che parla senza controllo. Un peccato, perché certe domande così dirette a Berlusconi è difficile farle, e il caos non aiuta a gustarsi l’effetto e le risposte. Meglio sul finale: l’Annunziata recupera un po’, Berlusconi litiga ancora col tedesco e con «Menichino», come lo chiama. Poi spiega i no a Cosentino («ci levava oltre un milione di no») fa una mezza apertura sulla cittadinanza agli immigrati e chiacchiera con De Giorgi, l’ex candidato gay montiano uscito dalle liste dopo le foto pubblicate da Libero. Brivido finale per l’Annunziata: Luigi Desiderato, intervenuto sotto l’etichetta di «Imprese che resistono», è un supporter registrato al sito di «Fermare il declino» e non ne fa mistero su Facebook. Al Cav giunge voce sia candidato, lei lo chiama in diretta perché trema per la possibile violazione della par condicio. Nelle liste delle regionali di Varese, nelle quali un sito rimbalzato ieri sera lo inserisce, non c’è. Ma le polemiche non mancheranno.

di Martino Cervo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • colombinitullo

    11 Febbraio 2013 - 14:02

    Il suo testo è criptico e sa,per noi poveri mortali,andrebbe spiegato. Vede noi(plurale majestatis) non dobbiamo dare ai nostri post dei contenuti(già presenti per altro negli articoli),dobbiamo solamente evidenziare quelli demenziali che,da parte sinistra abbondano....e come!Tenga sempre presente la parte ironica dei messaggi che,sempre a sinistra,occupati come siete a risolvere i problemi del mondo uccidendo tutti,latita e lei,nel frattempo,scriva sui suoi giornali ed eviterà figure barbine come quelle cui siete avvezzi.Nella remota ipotesi che lei non si trovi d'accordo con me sappia che non me ne frega niente io,da parte mia, continuerò a rimarcare le vostre idiozie.La saluto nella speranza che lei non si vada ad aggiungere alla folta schiera dei suoi amici di lungo "s"orso (dovrebbero togliervi gli alcoolici).

    Report

    Rispondi

  • boris49

    11 Febbraio 2013 - 10:10

    Leggo il suo post n.80 di critica monastica all'utilizzo del sinonimo che indica l'organo sessuale maschile che, sempre nel caso specifico, è abbinato ad una pochezza di contenuti. Preso nota della sua preferenza per post di alto profilo, le consiglierei la lettura di quelli inseriti da alcuni suoi sodali di indirizzo politico: ciannosecco, kiowa, incazzatonero69, 654321. Buona lettura!!

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    11 Febbraio 2013 - 09:09

    Mi vedo costretto a confutare i suoi post e a definirli infantili pertanto,da oggi,visto che lei distribuisce patenti da idiota a chi fortunatamente(sarebbe una tragedia)non la pensa come lei la chiamerò: sig. IDIOTA.Caro IDIOTA come lei ben sa l'intelligenza(la sua) non alligna lì dove dovrebbe essere ma spazia altrove.Caro IDIOTA lei è ossessionato dall'enorme membro del suo idolo che,voglia il cielo,anche questa volta,spero, vada a rettificarle l'orifizio anale che,per quanto dilatato,dopo l'introduzione,la farà piangere(in tutti i sensi).Caro IDIOTA,se mi pubblicheranno,colgo l'occasione per ricordarle che lei fa coppia con il mai abbastanza deriso RENATINO che per non essere confuso con lei è stato chiamato: lo SCEMO.Caro IDIOTA la saluto caramente

    Report

    Rispondi

  • sardapiemontese

    10 Febbraio 2013 - 16:04

    ma che fai...te la prendi solo con le donne? non sarai mica uno di quei vigliacchi che le picchiano?? perchè, a leggere i tuoi post, tutto sembri tranne che un uomo!!! p.s. ti ho già detto che mi interessa solo la lavastoviglie!!!! ahahahahahhhh

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog