Cerca

Due ruote

MotoGp, Valentino Rossi secondo: che duello con Marc Marquez

Valentino Rossi

Sorpasso e controsorpasso. E ancora un altro sorpasso e un altro controsorpasso. Una goduria pazzesca, un’esaltazione continua, uno spettacolo travolgente. Merito di Valentino Rossi e Marc Marquez, finalmente insieme il mito e il suo designato erede, spalla a spalla, competitivi, solidi, belli “incarogniti”.

Un duello mancato e rinviato per troppo tempo, un conto in sospeso da risolvere e chiudere, un confronto tanto atteso quanto temuto, che trova così la massima espressione sul circuito qatariota, all’esordio stagionale, sotto le luci della ribalta di una notte nel deserto.

Al termine di una gara al cardiopalma, fatta di grandi rimonte, cadute inaspettate e battaglie di gruppo, gli occhi dello spagnolo e dell’italiano tradiscono una felicità e un divertimento puro, una gioia adrenalinica e una soddisfazione, che prescindono dalla classifica e dal risultato, dal vincitore e dal vinto. Perché l’uno vuole ed ha ancora qualcosa da dire, l’altro vuole ed ha molto da imparare.

Emozioni ed eccitazione, larghi sorrisi e sguardi furbi nel parco chiuso ben rispecchiano gli animi dei due protagonisti: un Rossi mai domo e rinvigorito, un Marquez affamato e fiero di aver ritrovato il proprio mentore.

Il passaggio di consegne già appurato dai più pare, dunque, dover ancora compiersi e se queste sono le premesse prepariamoci a un menù per palati fini. Sportellate, colpi di genio, pieghe e traiettorie al limite potranno e saranno le portate principali, cui potranno unirsi anche altri commensali, nuovi e vecchi nomi, in virtù pure di un regolamento discutibile ma al momento sicuramente efficace.

La gara dice che stavolta sono loro due a prendersi la scena e che i valori in campo e l’ordine delle cose sono stati più o meno rispettati, alla faccia delle polemiche e dei timori della vigilia. In definitiva questo è ciò che conta e se sarà soltanto l’inizio di un bellissimo scontro/incontro tra capolavori della natura solo il tempo, tra una staccata e una derapata, lo dirà.

di Giulia Volponi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Martino43

    24 Marzo 2014 - 19:07

    Martino43 Sono Valentiniano da sempre! Se le sirene della DUCATI non l'avessero accalappiato avremmo visto altri due anni di spettacolo alla faccia dei detrattori di Rossi che non hanno mai capito un c.

    Report

    Rispondi

  • aranciacasa

    aranciacasa

    24 Marzo 2014 - 08:08

    Duello bello e appassionate. Premesso che sono un tifoso di Rossi, il problema è: l'anno scorso era quarto, dietro bradl e Lorenzo; qualche volta se la giocava con Pedrosa. Sono usciti Bradl e Lorenzo: e se non fosse cambiato nulla in termini di competitività?

    Report

    Rispondi

    • lievito

      lievito

      24 Marzo 2014 - 10:10

      e se, e se , e se erano più bravi non si stendevano, Valentino non lo ha fatto, è anche questo un merito

      Report

      Rispondi

  • 23 Marzo 2014 - 23:11

    Sono caduti in 5 dei migliori perciò vedremo le prossime gare per giudicare se è ancora vincente, in tanto i bookmaker lo danno a 13 per il mondiale vinto contro 8, 5, ecc. degli altri migliori piloti. Perciò una rondine vecchia non fa primavera! Giorgio

    Report

    Rispondi

blog