Cerca

Il giudice sportivo

Serie A, Conte e Bonucci squalificati per 2 turni, Marotta inibito

Mano pesante di Tosel sulla Juve dopo la zuffa col Genoa e gli insulti all'arbitro Guida. Un turno a Vucinic e Chiellini

8
Serie A, Conte e Bonucci squalificati per 2 turni, Marotta inibito

 

Due turni di squalifica ad Antonio Conte, altrettanti a Leonardo Bonucci, inibizione per Beppe Marotta fino al 18 febbraio. Un turno a Giorgio Chiellini e Mirko Vucinic, e ammenda di 50.000 euro alla Juventus. Mano pesante del Giudice sportivo Gianpaolo Tosel dopo la bagarre scoppiata sabato sera al termine della partita pareggiata 1-1 con la Juventus e le critiche all'arbitro Marco Guida che non ha concesso un rigore al 94' per un fallo di mano in area del genoano Granqvist. "E' di Napoli, era in difficoltà e non doveva arbitrare", aveva commentato il direttore generale juventino Marotta, mentre Conte, era entrato in campo veemendo contro Guida insieme ai giocatori poi squalificati.

Le motivazioni di Tosel - Qualcuno voleva per Conte una pena simile se non superiore ai tre turni di stop che Josè Mourinho si beccò per il famoso gesto delle manette durante un contestatissimo Inter-Sampdoria del 2011. Poco ci è mancato, ma la sensazione è che la giustizia sportiva abbia voluto comunque dare una lezione alla Juve, spesso protagonista di polemiche e toni sopra le righe. Conte e Bonucci sono stati squalificati "per avere, al termine della gara, fronteggiato con atteggiamento intimidatorio il direttore di gara e un arbitro addizionale, contestando il loro operato con espressioni ingiuriose, che reiterava poco dopo negli spogliatoi". Chiellini, invece, era in tribuna ma è poi sceso in campo al termine del match, "senza autorizzazione, contestato platealmente l'operato degli ufficiali di gara". Vucinic, invece, era semplicemente diffidato e l'ammonizione per proteste ricevuta ha fatto scattare la squalifica automatica. 

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Marco_Aurelio

    29 Gennaio 2013 - 09:09

    ...........è subire ad ogni vittoria "il dileggio della truffa" e ad ogni sconfitta "la compiaciuta soddisfazione" degli avversari !! Contro questa "condanna vera" non sarà ammesso alcuno ricorso, pilotato o meno, perché non è stata emessa dal Tribunale FIGC di Via G.Allegri 14, ma dagli "sportivi" che credono ancora nello sport leale e legale!!!

    Report

    Rispondi

  • giovlone

    29 Gennaio 2013 - 00:12

    agnelli,conte,marotta,buffon,chiellini,etc.. parlano e agiscono con la protervia e l'arroganza più specifica dei capi mafia, o camorristi ,a preferenza. essi non rappresentano ,specialmente in questo lasso storico,certamente quell'esempio di nobiltà di intelletto e di modi di cui dovrebbero essere portatori sani,innanzi tutto per dovere ereditario ed in secondo luogo per dovere di rispetto verso chi ,non potendo esercitare medesima pressione a supporto delle proprie ragioni,per evidente deficit di posizione sociale, si arrabatta nella vita tra soprusi economici e morali nonché frustrazioni da impotenza per l'evidente subalternità ai poteri forti ma ottusi che ci governano e ci dominano. e poi ci tocca ascoltare levate di scudi a difesa della dignità umana per le poco felici esternazioni di berlusconi,strumentalizzate ad arte per pura propaganda demagogica,mentre ogni giorno subiamo privazioni dei legittimi e primari diritti cui mai essere umano dovrebbe venir meno. iuventinibruttarazza

    Report

    Rispondi

  • robylella

    28 Gennaio 2013 - 22:10

    Così poco? Si meritavano una punizione superiore! Visto come si comportano c'è speranza nella recidiva! Passerà poco tempo e ci ricascheranno!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media