Cerca

Vergogna totale

Valentino Rossi, respinto il ricorso: partirà ultimo a Valencia

Valentino Rossi

La vergogna è servita: il Tas di Losanna ha respinto il ricorso presentato da Valentino Rossi. La sanzione di 3 punti sulla patente ricevuta dopo il GP della Malesia per l'incidente con Marc Marquez è stata confermata: il pilota della Yamaha, dunque, sarà costretto a partire dal fondo dello schieramento di partenza nel GP di Valencia che domenica assegnerà il mondiale della MotoGP. Nel dettaglio, il Tribunale arbitrale dello sport svizzero, ha respinto la sospensiva chiesta dal Dottore, che quantomeno avrebbe congelato la penalità per un esame più approfondito.

Spagna, vergogna - Il complotto spagnolo, ora, ha ufficialmente raggiunto il risultato. Per Lorenzo la strada è spianata: dopo le proteste, gli insulti e le scenate potrà vincere un mondiale (quasi) a tavolino. Tutto grazie a Marquez, che a Sepang, come tristemente sappiamo, ha corso soltanto per frenare il Dottore, fino al momento del contatto.

Le motivazioni - Il Tas, recita il comunicato diffuso dall'organo di giustizia sportiva, "non ha rilevato le condizioni per concedere la sospensiva, il che significa che la sanzione imposta dalla Federazione Internazionale Motociclismo dovrà essere applicata nel prossimo GP in programma a Valencia".

La traiettoria - Sempre nel comunicato, si legge: "Dopo la corsa in Malesia, la Direzione gara della Fim ha rilevato che Valentino Rossi ha deliberatamente allargato la traiettoria per forzare Marc Marquez fuori strada, creando le condizioni di un contatto che ha causato la caduta e il ritiro di Marquez. Per questa infrazione ai regolamenti Fim, la Direzione gara ha imposto 3 punti di penalizzazione al pilota, sanzione poi confermata dagli Stewards Fim. Il totale dei punti a carico di Rossi è di 4, in aggiunta al punto in precedenza ricevuto per un altro incidente durante la stagione. Sulla base dei regolamenti Fim un pilota con 4 punti di penalità deve partire nella gara successiva in fondo allo schieramento di partenza".

Lorenzo ci ha provato - L'arbitro del Tas, il tedesco Ulrich Haas, ha ascoltato sia i rappresentanti di Rossi sia quelli della Federazione internazionale moto (Fim) mercoledì. Nella nota viene precisato anche che "il 2 novembre Jorge Lorenzo aveva deposto una domanda di intervento al fine di partecipare a questo arbitrato presso il Tas, ma questa domanda è stata respinta. Comunque l’arbitro del Tas, dopo aver consultato le parti, ha autorizzato il deposito di una memoria scritta", con la posizione del pilota spagnolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Vito.Gamt

    05 Novembre 2015 - 16:04

    La federazione ha visto giusto: tutti hanno visto. Agostini è stato ancora più preciso: una toccatina di ginocchio alla leva del freno e ... fuori un altro. Gli ultras sono infatuati e a loro va bene tutto, purché vinca il beniamino.

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    05 Novembre 2015 - 15:03

    Noto che la maggior parte delle critiche arriva dai biaggiboys. La rivincita dello sconfitto

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    05 Novembre 2015 - 15:03

    Povero idiota. Almeno sai perché è stata respinta la richiesta? Perché non è stato riscontrato il motivo dell'urgenza. Visto poi che a parte la sanzione avvenuta non per il presunto calcio, ma perché Valentino avrebbe "accompagnato" Marquez fuori traiettoria, cose mai successe fino ad oggi nelle competizioni motoristiche( vero???!!) da qui la sanzione. Meglio italiani che difendono che idioti

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    05 Novembre 2015 - 15:03

    Il ricorso è stato respinto, sentito ora alla radio, perché non è stata riscontrata l'urgenza.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog