Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Elettra Lamborghini furibonda, indiscrezione-bomba. Mara Venier? Le ultime voci...

Ivan Rota
Ivan Rota

Ivan Rota

Vai al blog
  • a
  • a
  • a

Come tutti sanno "Domenica In" ha chiuso in modo trionfale con uno share da urlo. Tra i tanti momenti imperdibili la conversazione di Mara Venier con Romina Power e Loretta Goggi. La regina della domenica televisiva era talmente contenta che ha fatto un appello a Stefano Coletta, direttore di Rai Uno,per condurre un programma insieme alle due colleghe e amiche. Un trio veramente impredibile. Dirà di si?   A proposito di Romina Power, come sapete, é da pochi giorni mancata la sorella Taryn alla quale era legatissima: Canale 34 le ha fatto un omaggio mandando in onda un film girato da Taryn Power in Italia nel lontano 1975. Di tratta di "Bordella" di Pupi Avati con Luigi Proietti e Christian De Sica ambientato in un bordello per sole donne. Taryn , bellissima, interpreta una fanatica religiosa che vuole redimere i gigolò.

***

Gli stilisti alla moda, i loro clienti esigenti, i modelli sontuosamente vestiti e attiri di grido scelgono all'Hotel Indigo Milan - Corso Monforte 27, boutique hotel di Milano ai margini del quadrilatero della moda che ha riaperto da pochi giorni e cge sta diventando un nuovo "cult". Gli ospiti si ritrvano subito in un ambiente fortemente ispirato alla moda, con camere caratterizzate da tessuti esclusivi che non sarebbero fuori posto in passerella e dettagli tipici dello stile e del design milanese. Ma ci sono molte altre ragioni per soggiornare in hotel: docce con effetto cascata, camere con vista sui tetti del centro e un cortile interno per l'aperitivo. Piatti gourmet e ricette tipiche reinterpretate dagli chef in chiave moderna, con un'ampia varietà di piatti vegani e gluten free. Il Ristorante Mezzo è il luogo ideale per un pranzo di lavoro veloce, fresco e gustoso o per una cena chic & glam tra amici. Il cortile interno invece ha le atmosfere giuste per cene ed happening romantici.E poi il Cocktail Bar oer un aperitivo nel dehors. I cocktail sono preparati con la raffinita selezione di spirits targata Farmily.

 

***

In seguito ad alcune affermazioni omofobe, Matthias Le Goff, vicecampione del mondo di nuoto, viene condannato ad allenare i “Gamberetti Paillettati: ecco la trama di Gamberetti Paillettati, commedia campione d’incassi in Francia che arriverà in Italia il 9 luglio. Il film si ispira alla vera squadra di pallanuoto con la quale lo sceneggiatore e il co-regista Cédrica Le Gallo gira il mondo da sette anni, torneo dopo torneo, compresi gli ultimi Gay Games.

***

Elettra Lamborghini é arrabiatissima con quelli che hanno stroncato "La Isla", la sua ultima canzone in cui duetta con Giusy Ferreri e ha pubbilato un post:" Sapete solo sminuire, non ne avere per nessuno... casualmente i pezzi che non si incula nessuno (scusate il francesismo) gli date la lode...invidia? Boh! Siete i critici della sagra della salsiccia." Cosa diranno ora questi critici del duetto Baby K /Chiara Ferragni?

***

Ornella Muti avrebbe mandato un messaggio a Barbara D'Urso: "Barbara, ma hai davvero fatto una denuncia penale a Naike?Non posso credere  tu abbia fatto una cosa così a Naike, a mia figlia... Sono qui perché i figli non si toccano, cara Barbara D'Urso. Poi una mamma così amica che denuncia i figli... Forse non siamo così amiche." In effetti, la ragazza aveva criticato i programmi e parlato della vita privata della conduttrice Mediaset. Nel frattempo Naike ha pubblicato una sua personale imitazione della D'Urso. Attendiamo sviluppi.

 

***

Pare che Adriana Volpe ci sia ricascata: ricoriamo i pessimi rapporti con Giancarlo Magalli e ora si dice che i rapporti con il collega Alessio Viola con il quale conduce "Ogni mattina" su Canale 8 non siano del tutto idilliaci. Già alla prima puntata (che ha totalizzato un misero 1% di share) lui non ha risposto al saluto della Volpe....

***

La Calabria risponde al Papeete di Milano Marittima con una spiaggia senza eccessi balneari. Se al Papeete si canta e si balla, al Sottovento di Soverato tutti leggono "Colibrì" di Veronesi, possibile vincitore del Premio Strega. Qui si radunano la coppia intellettuale Mimmo Calopresti e Marcello Fonte, regista e interprete di "Aspromonte",Piero Mascitti, storico braccio destro di Mimmo Rotella, Paolo Di Gianantonio e Cecilia Primerano.

***

E' andato esaurito in pochi giorni il libro "African Delirium, un'avventura del commissario Malraux" scritto da Hélène Blignaut e pubbicato da Lanieri. La scrittice é sudafricana ed é anche esperta di branding e analisi dei trend. Il libro é ambientato a Durban nell'Oceano Indiano ed é "fiammeggiante" come un film di Douglas Sirk.

***

Elodie, ora in radio con la sua ultima hit " Guaranà" ha mostrato tutto il suo affetto verso la sua "pigmaliona" Maria De Filippi con queste parole: "Maria é un'osservatrice, ti dà la possibilità di comportarti e esprimerti come vuoi, lei é come una madre, una mamma giusta per i miei parametri, é quella che ti osserva però ti lascia la possibilità di muoverti: é stata questo per me."

 

***

Chiara Ferragni disperata per Matilde, la sua cagnolina. Mentre era in un meeting, Matilde ha avuto delle crisi epilettiache e quindi l'ha portata da un neurologo veterinario che le ha fatto una risonanza magnetica. Purtroppo la cagnolina ha un tumore e ora dovrà iniziare la radioterapia.

***

Una coppia di Temptation Island sarebbe già saltata: si tratta dei NIP Ciavy e Valeria: la ragazza si è avvicinata intimamente ad Alessandro Basciano, ex corteggiatore di Giulia Quattrociocche, e sarebbe scattato un bacio che avrebbe fatto imbufalire il fidanzato Clavy.

***

Notizia giunta con grande soddisfazione dall'estero e che riguarda eccellenze nostrane. 
" I compositori Andrea Guerra e Lele Marchitelli, membri dell'ACMF , sono stati invitati a far parte dell'Academy of Motion Picture Arts and Sciences, l'organizzazione famosa nel mondo per l'assegnazione dei premi Oscar. L'ACMF, Associazione Compositori Musica per Film, si congratula con i neo nominati per il prestigioso riconoscimento ed è lieta che il valore delle colonne sonore italiane sia sempre più apprezzato a livello internazionale" - è la dichiarazione  a caldo di 
Alessandro Molinari, vice presidente ACMF.Nell'Academy  sono già presenti, tra gli altri, alcuni protagonisti facenti parte a vario titolo della ACMF, come Ennio Morricone, Nicola Piovani e Dario Marianelli, oltre a nomi come  Hans Zimmer e  Michael Nyman.I nuovi 16 membri italiani che  entrano ufficialmente nella grande squadra dell’Academy Awards, oltre ad  Andrea Guerra e Lele Marchitelli, sono  Pierfrancesco Favino, Alberto Barbera il direttore della Mostra del Cinema di Venezia, Cristina Comencini, Paola Comencini, Francesca Archibugi, Maria Sole Tognazzi, Nicoletta Ercole, Giovanna Ferrari, Adriano Di Lorenzo, Elda Ferri, Roberto Perpignani, Massimo Cantini Parrini, Esmè Sciaroni e Francesca Calvelli.

 

***

Con una veste grafica totalmente nuova ed una cornice decisamente accattivante,  a grande richiesta è tornata sul mercato, per la gioia di  lettori giovani e meno giovani, la vicenda di Merlino, il magico bovaro, e del suo amato padrone, lo scrittore protagonista. Un nuovo editore, Paguro Edizioni, con un sentiment ancora più positivo per un legame indissolubile uomo/animale che sfugge alle ragioni di tempo e spazio.Dalla storia reale di Merlino a quella letteraria, Marco Tullio Barboni ha immortalato con sapienza ed amore  il tenero ricordo del  suo fidato amico, compagno di vita quotidiana per 8 anni, che rappresenta in verità tutti gli  indissolubili legami similari che chiunque abbia avuto  un animale puo' facilmente comprendere. Attraverso una passeggiata onirica che ricalca la passeggiata che Marco Tullio  e Merlino hanno fatto ogni sera per tutto il tempo in cui hanno vissuto insieme, si snoda questa vicenda incantata, che commuove e fa riflettere, e aiuta a ritrovare nel sogno lucido della narrazione un legame che a tutti gli effetti appartiene al mondo puro dell’Amore. Marco Tullio Barboni, appartiene ad una illustre famiglia che ha segnato tratti importanti del cinema italiano d’Autore. Lo zio Leonida è stato un magistrale direttore della fotografia, amatissimo da Anna Magnani; il padre Enzo, prima operatore alla macchina poi direttore della fotografia ed infine regista con lo pseudonimo di E.B. Clucher, ha legato gran parte della sua fama a film interpretati da Bud Spencer e Terence Hill. E' stato lui stesso regista e sceneggiatore, ed ha proseguito la carriera familiare con caparbietà e notevole talento. Negli ultimi anni è diventato un apprezzato scrittore, i cui libri hanno riscosso consensi di pubblico e critica.Il volume, pluripremiato, è ordinabile in tutte le librerie e acquistabile sull’e-commerce delle Edizioni Paguro  www.edizionipaguro.it  o  presso i migliori bookstore online   Ulteriori info su Autore e Volume:  marcotulliobarboni.com – aspassoconilmago.it

***

Il cinema all’aperto animerà anche questa estate lughese a partire da sabato 27 giugno. A fare da cornice alla rassegna cinematografica sarà ancora una volta il chiostro del Carmine di Lugo. Tra gli appuntamenti più attesi della stagione, sabato 4 luglio, con inizio alle ore 21.30, toccherà a " Lo chiamavano Trinità", cult movie prodotto da Italo Zingarelli (eccellenza di Lugo) che, nelle vesti di produttore lungimirante,  permise di realizzare questo film intramontabile che ha ottenuto  uno dei maggiori incassi della storia del cinema italiano, inaugurando il filone dei fagioli western,  e che ha segnato il successo della coppia attoriale Bud Spencer/Terence Hill. 
Con "50 anni di Trinità" all'Arena del Carmine, Cinemaincentro e Lugo Music Festival annunciano la loro prima collaborazione.
"Lo chiamavano Trinità" ( E. B. Clucher, 1970) compie appunto 50 anni: lo si celebra con una proiezione all'Arena del Carmine, alla presenza eccezionale di Marco Tullio Barboni, regista, scrittore, sceneggiatore, figlio del regista del film (al secolo E. B. Clucher era   Enzo Barboni), e di Lisa Bernardini, giornalista. Sarà anche l'occasione per ricordare e raccontare la figura di Italo Zingarelli."Lo chiamavano Trinità" vede l'esordio del duo Spencer/Hill, voluto dall'intuizione di Zingarelli che produsse il copione, rifiutato dagli altri produttori. "La proiezione di Lo chiamavano Trinità con Marco Tullio Barboni e Lisa Bernardini segna l’inizio di un percorso destinato a non esaurirsi mai e che legherà la città alla figura di Italo Zingarelli, nato a Lugo di Romagna, quindi alla cultura cinematografica" - ha dichiarato  Matteo Penazzi per Lugo Music Festival APS.

Dai blog