Cerca

Penelope

Anche Miss Universe nella trappola
del #Metoo

Svolta nel concorso di bellezza: in giuria solo donne. Così saranno ancora più spietate

13 Dicembre 2018

0
Erica De Matteis

Miss Universe Italy 2018

Peggiori nemiche di noi stesse: ipercritiche, feroci, terribili. Inutile negarlo, noi donne siamo fatte così. Non sempre, ma capita spesso. Per quanto ci sforziamo di essere morbide, c'è sempre un difettuccio dell'altra che ci salta all'occhio. Impercettibile, ma c'è. In caso di una gara, dove deve esserci un'unica vincitrice, poi, ci buttiamo nella mischia e non certo per calmare gli animi. Competition is competiton, è la nostra regola aurea. Obiettivo: essere la primadonna, la favorita. Folle, quindi, la decisione di affidare a una giuria di sole signore l'incoronazione della più bella dell'universo, come fosse una riunione del Soroptimist. Eppure, il #Metoo ha colpito anche qui. Con una scelta che non ha precedenti, l'organizzazione della 67esima edizione del concorso di bellezza, ha sentenziato che per la finalissima che si svolgerà a Bangkok il 17 dicembre (per l'Italia c'è la bellissima Erica De Matteis), i maschi sono stati segati: via tutti, a casa, non siete degni. Ma che concorso è quello in cui manca il punto di vista maschile? Che razza di credibilità possiamo avere se ce la cantiamo e ce la suoniamo da sole, se tagliamo con un colpo di cesoia l'altra metà del cielo e ci facciamo giudicare solo da sguardi femminili, con il rischio di una valutazione ancora più severa e magari priva di obiettività? Ok, il maschio alla Weinstein ha fatto del male alle donne, il maiale stia lontano da noi, chi ha sbagliato va punito, ma ghettizzare un concorso internazionale di bellezza non è la soluzione, tanto più che ogni ragazza, in genere, è gratificata di più se a premiarla è un rappresentante dell'altro sesso, non ci vuole un genio a capirlo. Invece, la presidente di Miss Universe, Paula M. Shugart, ha spiegato all'Abc che <il nuovo format consentirà alla nostra commissione giudicante di conoscere davvero ognuna delle partecipanti. Ogni membro è una donna motivante, nonché un modello per queste ragazze che saranno le leader del futuro>. In giuria ci saranno alcune ex Miss Universo, oltre a imprenditrici, professioniste. Ma solo, esclusivamente femmine. Sai che divertimento. Così, dopo Miss America che ha cancellato la prova in costume per non subìre accuse di sessismo, ora siamo al concorso per scegliere la più bella del mondo decisa da una giuria tutta in rosa. Se la vediamo al contrario c'è da mettersi le mani nei capelli: mister universo scelto da soli uomini, neanche fosse un raduno gay. Ma non stiamo un po' esagerando?        

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Brunella Bolloli

Brunella Bolloli

Alessandrina, vivo a Roma dal 2002. Ho cominciato a scrivere a 15 anni su giornali della mia città e, insieme a un gruppo di compagni di liceo, mi dilettavo di mondo giovanile alla radio. Dopo l'università tra Milano e la Francia e un master in Scienze Internazionali, sono capitata a Libero che aveva un anno di vita e cercava giovani un po' pazzi che volessero diventare giornalisti veri. Era il periodo del G8 di Genova, delle Torri Gemelle, della morte di Montanelli: tantissimo lavoro, ma senza fatica perché quando c'è la passione c'è tutto. Volevo fare l'inviata di Esteri, ma a Roma ho scoperto la cronaca cittadina, poi, soprattutto, la politica. Sul blog di Liberoquotidiano.it parlo delle donne di oggi, senza filtri.

media