Cerca

Penelope

Le madamin di Roma si sono rotte

Erano scese in piazza contro il degrado, ma ora hanno sciolto il gruppo

10 Giugno 2019

0
Agguerrite

Il gruppo delle organizzatrici

Avevano creato il gruppo "Roma per tutti - Tutti per Roma" ed erano riuscite a portare sulla piazza del Campidoglio una folla consistente di romani, non tutti pariolini e radical chic come i detrattori volevano far credere, al grido di: <Basta degrado, la Capitale merita di più>. Senza insegne di partito perché loro erano quelle del movimento civico e, a parte Carlo Calenda e qualche altro piddino di Roma centro-nord, l'intento era di tenere lontani i partiti e far partire un progetto che magari, chissà, si sarebbe anche potuto concretizzare in una lista elettorale. A Torino, il governatore uscente Sergio Chiamparino, in effetti, ha piazzato qualche madamin sabauda nel suo listino, ma poi non è stato eletto. A Roma, forse, pensavano di dare la spallata all'amministrazione Raggi che barcolla, ma per ora non molla. In compenso sono loro che, forse percorse da mille correnti come il Pd, si sono sfilacciate e non sanno più che fare. Un post di Francesca Barzini, ieri, su Facebook spiega bene perché il gruppo si è arenato. Perché le elezioni comunali sono lontane, perché non c'era una visione d'intenti, perché è difficile tenere insieme una squadra in cui ci sono sensibilità diverse e perché la marea di gente che era in piazza il 27 ottobre difficilmente tornerebbe oggi senza uno sponsor politico e un vero obiettivo. Insomma, l'idea è quella di riorganizzare meglio l'intera faccenda. Magari rifarsi sotto alle Comunali con una lista vera. Calenda rimane il politico di riferimento. E poi adesso il "nemico comune" come dicono le madamin non sono più i Cinquestelle ormai in caduta libera, quanto la destra di Salvini. Quindi, meglio pensarci bene. Una chiamata su fb non basta per prendere voti nelle urne.     

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Brunella Bolloli

Brunella Bolloli

Alessandrina, vivo a Roma dal 2002. Ho cominciato a scrivere a 15 anni su giornali della mia città e, insieme a un gruppo di compagni di liceo, mi dilettavo di mondo giovanile alla radio. Dopo l'università tra Milano e la Francia e un master in Scienze Internazionali, sono capitata a Libero che aveva un anno di vita e cercava giovani un po' pazzi che volessero diventare giornalisti veri. Era il periodo del G8 di Genova, delle Torri Gemelle, della morte di Montanelli: tantissimo lavoro, ma senza fatica perché quando c'è la passione c'è tutto. Volevo fare l'inviata di Esteri, ma a Roma ho scoperto la cronaca cittadina, poi, soprattutto, la politica. Sul blog di Liberoquotidiano.it parlo delle donne di oggi, senza filtri.

media