Cerca

Complimenti per la trasmissione

Nemicamatissima, un'overdose di nostalgia

Pregi e difetti del programma della coppia Cuccarini-Parisi

7 Dicembre 2016

0
Nemicamatissima

Heather e Lorella magico duo

Quando si dice metterci la faccia. «La incontro ogni mattina davanti allo specchio e ci parlo. Ma non l'ho mai tradita, la conosco troppo bene...».

Il monologo di Heater Parisi a Nemicamatissima (Raiuno, venerdì e sabato, prima time) sulla vecchiaia stinta nelle rughe del volto, conferma  che, dopo i 40 anni, ognuno ha la faccia che si merita. E quella di Heather, screziata dal tempo, era una bella faccia onesta. E quel monologo, interrotto da applausi e da una scaletta gonfia di polemiche (Parisi s’è sfogata su Facebook dicendo d’essersi «sentita un’ospite» della co-conduttrice Lorella Cuccarini) è risultato uno dei punti di forza di uno show   stroboscopico, e dalla sceneggiatura densa di nostalgia. Ma pure di buchi narativi. Non entro nelle polemiche del dopo la trasmissione tra Heather e Lorella: sarebbe come dover scegliere tra Mina e la Carrà, ed oltre che stupido sarebbe inelegante. Ma la prima puntata dello show, onestamente, per i primi 40 minuti mi aveva ipnotizzato. C’era Lorella che, superati i cinquanta, era più bella e brava di vent’anni prima: addominali che neanche Madonna e un’estensione vocale che svettava da La notte vola a Grease ; e poi la Parisi che evocava tutti i suoi best hit, tutte le Cicale, Ti rockerò e Crisù del mondo; e poi i sorrisi, i (pochi) duetti, la grinta, i comici pleonastici alla Lillo e Greg, Vecchioni e il sogno, quelle robe lì, insomma. Tutto brillava. Certo, tutto era anche un deja vu. Ma il cuore batteva della nostalgia della mia adolescenza.

Cuccarini e Parisi riempivano palco e  lacune di uno spettacolo costruito pericolosamente solo per un pubblico over 40. Al punto che i miei amici e la mia compagna -rigorosamente under 40- non ritrovavano nelle siglette di Fantastico la stessa prepotenza intellettuale che vi scorgevo io. Naturalmente avevano ragione loro: Io ballero non è Leonard Cohen. Però la presenza scenica delle due ex ragazze falsava il mio giudizio.

Giudizio che s’è modificato nella seconda puntata: solita musica, soliti balletti, solita nostalgia; ma nessuna traccia di un fil rouge narrativo, di un bravo conduttore che cucisse le parti noiose scritte da autori svogliati, di un germe di quello che  doveva essere un «Saturday Night Life al femminile», ed è stata la solita, luccicante carrambata.  Share al 20% nella  prima puntata, al 17% nella seconda. Una volta basta e avanza...
 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Francesco Specchia

Francesco Specchia

Francesco Specchia, fiorentino di nascita, veronese d’adozione, ha una laurea in legge, una specializzazione in comunicazioni di massa e una antropologia criminale (ma non gli sono servite a nulla); a Libero si occupa prevalentemente di politica, tv e mass media. Si vanta di aver lavorato, tra gli altri, per Indro Montanelli alla Voce e per Albino Longhi all’Arena di Verona. Collabora con il TgCom e Radio Monte Carlo, ha scritto e condotto programmi televisivi, tra cui i talk show politici "Iceberg", "Alias" con Franco Debenedetti e "Versus", primo esperimento di talk show interattivo con i social network. Vive una perenne e macerante schizofrenia: ha lavorato per la satira e scritto vari saggi tra cui "Diario inedito del Grande Fratello" (Gremese) e "Gli Inaffondabili" (Marsilio), "Giulio Andreotti-Parola di Giulio" (Aliberti), ed è direttore della collana Mediamursia. Tifa Fiorentina, e non è mai riuscito ad entrare in una lobby, che fosse una...

media