Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Morto il cancelliere tedesco Helmut Kohl, papà dell'Unione Europea: ha "inventato" Angela Merkel

Alessandra Menzani
  • a
  • a
  • a

Helmut Josef Michael Kohl, cancelliere tedesco dal 1982 al 1998; fino al 3 ottobre 1990, data dell'unificazione delle due Germanie, fu cancelliere della sola Germania occidentale, poi della Germania unita, è morto all'età di 87 anni. Leader del partito dell'Unione Cristiano-Democratica (CDU) dal 1973 al 1998, è stato nel 1970 uno dei più giovani politici della CDU e presidente del suo partito, nel 1969 per la prima volta ebbe un ruolo nell'opposizione. Con 16 anni di permanenza in carica Kohl è stato il più longevo Cancelliere della storia dopo Otto von Bismarck, e di gran lunga il più lungo di qualsiasi Cancelliere democraticamente eletto. Kohl ha supervisionato la fine della Guerra fredda, ed è ampiamente considerato come il principale artefice della riunificazione tedesca. Insieme con il presidente francese François Mitterrand, Kohl è anche considerato l'architetto del Trattato di Maastricht, che ha istituito l'Unione Europea (UE). Kohl è stato descritto come "il più grande leader europeo della seconda metà del XX secolo" dai presidenti degli Stati Uniti George H. W. Bush e Bill Clinton. Kohl ha progettato con decisione il processo di riunificazione del 1989-1990. Controverso rimase lo scandalo delle donazioni al partito, dopo la divulgazione di cui perse la presidenza onoraria del suo partito nel 2000 e l'anno in cui Kohl ha ricevuto un gran numero di premi nazionali ed internazionali. Dalla fine della sua carriera politica Kohl è un lobbista che ha ricoperto diverse posizioni nel mondo degli affari, per il Credit Suisse e KirchMedia. Kohl è il fondatore di una società per la politica e la strategia di consigli.  Durante la terza legislatura di Kohl, dal 1991 al 1994, l'allora giovanissima Angela Merkel è stata ministro per le donne e i giovani. 

Dai blog