Cerca

Forze speciali

"Pavia 28": Giulia e la radio nell'esercito, dalle cuffie al poligono

20 Ottobre 2017

1

"08.15: riunione di coordinamento con il Direttore di Pavia 28; alle 08.30 inizia la diretta radiofonica che dura fino al pomeriggio. Poi, addestramento militare". Una speaker particolare Giulia, c'è poco da fare: non tutti passano con nonchalance da microfono e cuffie al poligono; lei sì invece, perché Pavia 28 in fondo è molto più che un emittente radiofonica, semmai uno strumento di lavoro e di preparazione per operazioni comunicative più complesse, come quelle svolte in Afghanistan da Radio Bayan West (fino a marzo 2017).

Perugina, 26 anni, Giulia Trincia è Primo Caporal Maggiore dell'Esercito Italiano in forza al 28° Reggimento "Pavia" di Pesaro, un reparto che dal 2004 si occupa di psyops (psychological operations), interessante e singolare disciplina che negli Stati Uniti è insegnata a Fort Bragg, celebre quartier generale delle Forze Speciali...

Giulia, cosa sono e a cosa servono le comunicazioni operative (psyops, ndr)? 
"Sono rivolte alle popolazioni di aree in cui lavorano i contingenti militari, con lo scopo di essere canale di comunicazione trasparente ed efficace: i locali hanno, così, modo di capire perché il contingente è lì schierato e quali sono le sue funzioni. In altre parole, si costruisce un rapporto di fiducia con la gente, che vede in te un riferimento al quale rivolgersi per sicurezza o per aiuto".
Da quanto tempo sei al 28°? 
"Da novembre 2012: sono un operatore per le comunicazione operative del 1° Battaglione Comunicazioni Operative, Compagnia TV e Radio. Collaboro alla gestione e allo sviluppo di programmi radiofonici, cioè creare e seguire spot, rubriche e interviste a scopo addestrativo per perfezionare le mie competenze in vista di possibili impieghi esteri. E fra playlist, rubriche e interviste la giornata lavorativa è sempre stimolante e dinamica".
Ecco, racconta una giornata tipo... 
"08.15: riunione di coordinamento con il Direttore di Pavia 28; alle 08.30 inizia la diretta radiofonica che dura fino al pomeriggio. Poi, addestramento militare perché è fondamentale avere l'adeguata preparazione per lavorare in sicurezza in qualsiasi contesto: preparazione fisica, dunque, alternata a periodiche tappe al poligono per affinare la capacità di tiro e per imparare a difendersi in situazioni delicate".
Sei mai stata in zona "calda"? 
"In Kossovo, nel 2015 e sempre con il Pavia, ma con un ruolo diverso rispetto a quello che ho adesso...".
Eri speaker già prima di arruolarti? 
"Mi sono arruolata appena dopo la maturità scientifica quindi ciò che so l'ho imparato qui. E continuo ad impararlo qui tenendomi costantemente aggiornata, seguendo i corsi proposti dal reparto e dedicandomi, nel tempo libero, alla lettura di testi di genere e all'ascolto di tanta, tanta radio italiana e straniera".
Va bene, ma quando non indossi la mimetica farai anche qualcos'altro o no? 
"Musica e lettura sono passatempi importanti per me, ma amo anche viaggiare e fare sport, in particolare sci e pattinaggio".  Dunque, la tua intera vita lavorativa l'hai spesa in divisa. Rimpianti? 
"Affatto. A distanza di anni mi accorgo di come il mondo militare mi abbia permesso di crescere e di arricchirmi sia come soldato sia come persona. Credo nell'uniforme che indosso, nei valori che rappresenta, nella responsabilità che mi impone".

di Marco Petrelli

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Campania-Nazione

    Campania-Nazione

    24 Ottobre 2017 - 14:57

    Perchè le donne non se ne stanno a casa ad accudire ai figli a alla Famiglia? La divisa è cosa da UOMINI !

    Report

    Rispondi

Gregoretti, Giancarlo Giorgetti: "La maggioranza vuole il processo politico, la gente sta con Matteo Salvini"

Giorgetti contro il Pd: "Ci deridono per i comizi? Loro organizzano  solo giovanotti che cercano di impedirli"
Luigi Di Maio corregge il tiro dopo la gaffe: "Italia informata dagli Usa subito dopo il blitz a Soleimani"
Paolo Becchi sulla legge elettorale: "La Consulta può ammazzare il maggioritario e favorire l'ingovernabilità"

media