Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, Paolo Becchi tagliente: "Ci avevo preso, il Covid-19 è penetrato nel cervello"

  • a
  • a
  • a

Secondo degli studi a cui Repubblica ha dato molto risalto nell'edizione in edicola oggi, martedì 15 settembre, il coronavirus agirebbe non solo contro polmoni e fegato, ma anche contro il cervello, che verrebbe aggredito e talvolta compromesso dal Covid-19. Una notizia ripresa e rilanciata, con tagliente ironia, da Paolo Becchi su Twitter. Il filosofo, rilanciando il titolo di Repubblica, infatti commenta: "Ci avevo preso, il virus è penetrato nel cervello". Il punto è che Paolo Becchi, da tempo, combatte una battaglia contro l'eccessivo allarmismo legato alla pandemia. E ancora, il filosofo sostiene che lockdown e martellanti messaggi allarmistici avrebbero avuto sulla popolazione pesanti conseguenze psichiche e psicologiche. Insomma, si capisce perfettamente la ratio del suo cinguettio.

 

 

Dai blog