Cerca

cronaca

Sondrio: Regione chiede 160 mln di euro al governo per sicurezza Ruinon (2)

17 Settembre 2019

0

(AdnKronos) - La Regione "in tutti questi anni - sottolinea Foroni - non ha mai abbandonato il territorio della Valfurva, e, dopo aver studiato la frana per anni, si è assodato che un movimento di queste dimensioni non poteva essere bloccato o fermato nella sua complessa evoluzione, e ci si è orientati a definire progettazioni e soluzioni tecniche di mitigazione degli effetti, soprattutto per quanto attiene la protezione della viabilità locale, in accordo con la Provincia di Sondrio".

La frana del Ruinon, i cui inizi risalgono al 1997, "è stata costantemente monitorata da Regione Lombardia, che non e' mai stata insensibile a questa problematica complessa - ha detto Massimo Sertori, assessore agli enti locali-. Con sinergia istituzionale stiamo gestendo l'emergenza e le opere necessarie a superare la crisi in atto e garantire l'accessibilità alla strada provinciale nella massima sicurezza ed entro il periodo invernale". Nel 2014 Regione Lombardia "ha così finanziato il rifacimento del ponte-tombotto sulla strada provinciale, per un importo di 600.000 euro nonchè la progettazione del bypass idraulico per altri 1,7 milioni di euro - evidenzia Foroni - e, nel 2016, la costruzione della galleria artificiale sulla SP29 (5,4 milioni di euro) i cui lavori erano in corso prima dell'inizio della crisi attuale"

Quanto all'emergenza attuale, Foroni e Sertori sottolineano che "Regione Lombardia sta dando vita a una serie di azioni in sinergia con la Provincia di Sondrio, Arpa, Comunità Montana ed Ente Parco dello Stelvio per il superamento della crisi in atto, quali: il finanziamento di due opere di pronto intervento (200.000 euro) per il disgaggio e la demolizione dei massi più instabili; un finanziamento di circa 250.000 euro per opere di captazione e collettamento delle acque sul versante destro della frana (lato Bormio); la realizzazione di un rilevato con vallo paramassi (circa 2 milioni di euro); uno stanziamento di 250.000 euro per una campagna di comunicazione e promozione del territorio; e infine la creazione di un by pass stradale ai piedi del rilevato per il superamento in condizioni di sicurezza del tratto a rischio di frana. Questo by-pass sarà realizzato prima della stagione invernale (lavori in circa due mesi) per permettere il collegamento viario con e da Santa Caterina Valfurva. Oltre a ciò, la realizzazione di interventi per il miglioramento della transitabilita' della pista di emergenza sul versante opposto per un importo totale di 3,5 milioni di euro; la realizzazione di un nuovo rilievo di dettaglio del versante in frana e l'inserimento delle spese sostenute dagli enti locali per il servizio navetta sulla pista d'emergenza".

ù "Ribadiamo - concludono gli assessori regionali - il massimo impegno di Regione per un supporto alla gestione della crisi in corso e per la realizzazione delle azioni necessarie a dare risposte conclusive e definitive alle giuste richieste delle popolazioni locali e degli operatori economici della Valfurva per tornare quanto prima a condizioni di serena normalità. Auspichiamo che anche il Governo ora ci metta la faccia come Regione Lombardia ha fatto fino ad oggi".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Luigi Di Maio arriva al Consiglio affari esteri dell'Ue. L'incontro con Federica Mogherini

Silvio Berlusconi, gli chiedono di Greta Thunberg e lui ribatte con una barzelletta su viagra e svedesi...
Silvio Berlusconi lancia Mario Draghi premier: "Intelligente e preparato. Se fosse disponibile..."
Matteo Salvini: "Se a qualcuno non piacciono presepio, crocefissi e campanili torni a casa propria"

media