Cerca

Risvolti

Sergio Marchionne, il silenzio prima della morte. L'esperto: "Perché può costare carissimo"

29 Luglio 2018

0
Sergio Marchionne, il silenzio prima della morte. L'esperto: "Perché può costare carissimo"

La morte di Sergio Marchionne e la mancata comunicazione delle sue condizioni di salute, sia ad Fca sia ai mercati, come è noto possono avere delle conseguenze. Anche molto serie, stando a quanto spiegato a Il Sole 24 Ore da William Rosenstadt, avvocato specializzato in diritto aziendale e società quotate dello studio legale Ortoli- Rosenstadt di New York. "Nel caso di Fca e di Sergio Marchionne credo che il fatto (della sua malattia, ndr) avesse importanza materiale, data la rilevanza del Ceo per il gruppo. Che quindi, a mio avviso, l’azienda avrebbe dovuto comunicarlo quando ne fosse venuta a conoscenza. L’azienda però nega di aver saputo nulla e se è così, ovviamente, decadono gli interrogativi su eventuali obblighi", sottolinea l'avvocato.

Altro tema è relativo a chi e quando sapeva della malattia dell'ex ad. "Negli Usa - riprende Rosenstadt - questa preoccupazione riguarda solo il top management e le persone che hanno controllo, soci con oltre il 4,99% del capitale. Il criterio qui è se e quando una simile persona avrebbe ragionevolmente dovuto essere a conoscenza dei fatti. Se qualcuno ha coscientemente ignorato chiari segni e prove, potrebbe doversi difendere quantomeno da critiche. Una somma di tanti segni - anche minori, di degrado della salute, se fossero stati evidenti - può accrescere gli obblighi di una comunicazione. I due protagonisti di eventuali azioni sono regulators e investitori".

Dunque, l'avvocato sottolinea come la Sec, la Consob a stelle e strisce, "può esaminare informalmente simili vicende e però non commenta mai prima di eventuali vere indagini, che richiederebbero comunque tempo. Potrebbe inoltre esaminare confidenzialmente se esistano sospetti di insider trading, guardare a pattern negli scambi dei titoli. Per quanto riguarda gli investitori, invece, per presentare un ricorso in sede civile non occorrono prove certe. Anche se diverso sarebbe tuttavia prevedere la fondatezza e l’esito si simili denunce. A motivare alcuni investitori possono essere le perdite sul mercato azionario, se i titoli non recuperano. La domanda può diventare se sarebbe stato possibile evitare simili perdite con una maggior trasparenza, una disclosure", conclude l'esperto.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media