Cerca

La reazione

Sergio Marchionne, il comunicato integrale dell'ospedale di Zurigo: toni durissimi, il devastante sospetto

29 Luglio 2018

2
Sergio Marchionne, il comunicato integrale dell'ospedale di Zurigo: toni durissimi, il devastante sospetto

Dopo appena 24 ore dalla morte di Sergio Marchionne, i toni con cui l'ospedale di Zurigo prova a difendersi dai sospetti di errori medici sulle cure del manager italo-canadese sono durissimi.

In un comunicato diffuso ai media di tutto il mondo, l'ospedale svizzero mette in chiaro la propria posizione: "La fiducia dei/delle pazienti nei confronti del ricorso alle migliori terapie possibili e nelle discrezione è cruciale per un ospedale. L'Ospedale universitario di Zurigo (Usz) attribuisce un enorme importanza al segreto professionale, e questo vale in egual misura per tutti i pazienti e le pazienti. Lo stato di salute è materia del/della paziente o dei relativi famigliari. Per questo motivo fino a questo momento l'Usz non ha preso posizione in merito all'ospedalizzazione e al trattamento del signor Sergio Marchionne".

In risposta quindi alle voce "tendenziose da parte dei media" sulle cure ricevute dall'ex Ceo di Fca, l'ospedale svizzero ha cercato di spegnere ogni speculazione: "Il signor Sergio Marchionne era paziente dell'Usa. Da oltre u8n anno si recava a cadenza regolare presso il nostro ospedale al fine di curare una grave malattia. Nonostante il ricorso a tutti i trattamenti offerti dalla mediciina più all'avanguardia, il signor Marchionne è purtroppo venuto a mancare. Addolorati oltremisura per la sua scomparsa, rivolgiamo alla famiglia il nostro più accorato cordoglio".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • emmecalo

    04 Agosto 2018 - 20:08

    Inappuntabile il comunicato dell'ospedale nel pieno rispetto della deontologia medica e delle prerogative del paziente e dei suoi famigliari. Il sarcoma è una vera maledizione poiché non lascia scampo ed ha una diffusione metastatica nota come carcinosi esplosiva ovvero una rapidita' sorprendente che puo' essere scatenata anche da un intervento chirurgico, solo che te ne accorgi all'ultimo!

    Report

    Rispondi

  • Anna 17'

    29 Luglio 2018 - 21:09

    Il comportamento di questo ospedale non è chiaro. Continuano a trincerarsi dietro un sacco di fumo, ma non spiegano come un intervento relativamente semplice possa aver portato una persona alla morte. Se c'era questo pericolo come minimo una struttura seria e responsabile non avrebbe proceduto all'intervento. Stanno coprendo errori loro o altro. Inaffidabili, da evitare.

    Report

    Rispondi

media