Cerca

Il vero rischio

Spread? No, la vera minaccia per il governo arriva da agenzie di rating e Pil

6 Novembre 2018

1
Spread, perché la vera minaccia del governo arriva con il 2019 da agenzie di rating e Pil in calo

La tempesta perfetta sull'economia italiana prevista da Giancarlo Giorgetti in piena estate è quasi del tutto passata. Ora che lo spread si sta stabilizzando, per il momento su quota 289 punti, e con la legge di Stabilità in fase di perfezionamento, gli investitori hanno tutte le informazioni attese per mesi. Le minacce vere per il governo italiano arriveranno nei primi mesi del prossimo anno e non sono rappresentate dalle bacchettate di Bruxelles sui conti.

Per quanto il differenziale tra i titoli di stato decennali italiani e tedeschi possa salire a 300, per quanto la Commissione europea possa insistere perché la legge di Stabilità rientri nei parametri pretesi dall'Europa, il vero problema che il ministro dell'Economia Giovanni Tria si ritroverà ad affrontare è la combinazione tra Pil e giudizi delle agenzie di rating che daranno nuovi giudizi tra marzo e aprile 2019, cioè Ficht e S&P.

Il vero guaio è in particolare sulle previsioni di crescita, stimate dal governo su almeno l'1,5% del Pil, dalla Commissione europea molto meno, tanto che nei corridoi di Bruxelles sono già sicuri che scatteranno le procedure per le sanzioni. A quel punto le agenzie di rating potrebbero declassare ulteriormente la solvibilità dell'Italia portandola a quota "spazzatura". L'ultima possibilità per il governo resta l'attuale tregua dei mercati, che potrebbe durare per tutto l'inverno e dare il tempo utile per raggiungere, o almeno avvicinarsi agli obiettivi fissati. Anche per ritrovarsi in una situazione meno imbarazzante dopo aver vinto le elezioni.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ilsognodiunavit

    07 Novembre 2018 - 08:08

    Mi chiedo spesso quanto siano affidabili queste agenzie comprese quelle dei risultati economici Italiani su Pil e disoccupazione. Chi vendeva 100 oggi vende 50 se va bene, vedi solo chiudere aziende piccole e fuggire dall'Italia le grandi, il lavoro manca a tutti, mi dite come può essere veritiero quello che vogliono farci credere? I nostri statisti devono ritornare alle elementari.

    Report

    Rispondi

media