Cerca

Immigrazione

Sea Watch, lo sfregio alla Marina italiana: "Guardano gli immigrati affondare". Ma poco dopo...

23 Maggio 2019

1
Sea Watch

Un barcone alla deriva al largo delle coste della Libia innesca lo scontro tra la ong Sea Watch 3 e la Marina Militare italiana. La presenza del barcone era stata segnalata da Alarm Phone, la ong che raccoglie tutte le segnalazioni delle barche di migranti in difficoltà: "Dalle 12.40 siamo in contatto con una barca in difficoltà nel Mediterraneo centrale - hanno fatto sapere da Alarm Phone -. Ci sono circa 90 persone a bordo e c’è acqua che entra nella barca. Abbiamo inoltrato la loro posizione al Centro di coordinamento dei soccorsi di Roma. Chiediamo una rapida operazione di salvataggio".

A strettissimo giro di posta, su Twitter, è arrivata la comunicazione da parte di Sea Watch, che però accusava direttamente i nostri militari: "La nave P492 Bettica della Marina militare italiana si trova vicino a un gommone in pericolo con circa 80 persone a bordo, ma non interviene. Il nostro aereo ha inviato un messaggio di Mayday Relay e ha confermato l'avvistamento di persone aggrappate a un tubolare sgonfio". Parole seguite dalla replica della Marina stessa, che interviene sempre su Twitter: "Avvistato natante in difficoltà da ONG Colibrì. Nave Bettica MarinaMilitare a 80km invia proprio elicottero in zona per supporto. Con elicottero in zona ha constatato avvenuto recupero migranti da motovedetta libica in zona Sar libica", hanno concluso.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ramses 2

    23 Maggio 2019 - 22:52

    se li tengano i libici!

    Report

    Rispondi

Lucia Borgonzoni vota nel suo seggio per le regionali in Emilia-Romagna

Contagio: scopritelo su "Camera con Vista" in onda su La7
Berlusconi sale sul palco a Ravenna, ovazione totale: "Silvio, Silvio". E lui: "Sono proprio io"
Bonaccini sul centrodestra: "Hanno cercato di gettare fango su di me, non sanno con chi hanno a che fare"

media