Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, parla l'"eroe della Sars" Zhong Nanshan: "La censura delle autorità di Wuhan"

  • a
  • a
  • a

A rivelare la verità su quanto accaduto in Cina allo scoppio del coronavirus è Zhong Nanshan, l'uomo che da tutti viene ricordato com "l’eroe della Sars". L'84eene, intervistato dalla Cnn, ha ammesso: "Le autorità di Wuhan non avevano piacere di dire la verità, a quel tempo", anche se lui, da esperto, non credeva affatto ai numeri diffusi dal regime. Nonostante l'accusa l'epidemiologo respinge le teorie complottiste su un virus artificiale sfuggito al laboratorio di Wuhan: "La dottoressa Shi Zhengli mi ha assicurato che è assolutamente ridicolo, che non avevano la possibilità scientifica di fare un esperimento del genere". Una dichiarazione che però stride con quanto dichiarato dalla virologa, poi scomparsa nel nulla. "Potrebbe esser arrivato dal nostro laboratorio, quello è stato un vero peso non ho chiuso occhio per giorni", affermava lo scorso 11 marzo su Scientific American

 

 

In ogni caso, tiene a precisare Zhong, le autorità di Pechino hanno indagato e non hanno trovato niente nel laboratorio nel mirino degli americani. Questo però non deve far abbassare la guardia sulla pericolosità del virus: "La maggioranza della popolazione cinese è ancora a rischio di contagio da Covid-19, per mancanza di immunità, non penso che ci troviamo in una posizione migliore rispetto agli altri Paesi del mondo al momento".

Dai blog