Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Joe Biden, il presidente "fragile": la frattura e le due nomine che infiammano il partito democratico

  • a
  • a
  • a

Joe Biden giocando col suo cane si è procurato una serie di piccole fratture al piede destro e alla caviglia: dovrà indossare un tutore per diverse settimane. L'episodio pone in piano il fatto che Biden a 78 anni è il più anziano presidente della storia, eletto in un anno dominato coronavirus, malattia che colpisce soprattutto gli anziani. E c'è già chi pensa che una presidenza Kamala Harris prima del 2024 possa essere molto concreta.

 

 

Nella prima tornata di incarichi di Biden, scrive Repubblica, era folta la presenza di settuagenari come la futura ministra del Tesoro Janet Yellen (74) e il commissario per l'ambiente John Kerry (76), ora Biden ha virato su donne più giovani e di diversa etnia, ma queste scelte non bastano a calmare la rivolta nei ranghi del partito democratico. Soprattutto due nomi non piacciono all'ala sinistra del partito. Il primo è quello di Neera Tanden, alla guida dell'Office of Management and Budget. La Tanden ha diretto il Center for American Progress, protagonista di uno scandalo per i finanziamenti ricevuti dagli Emirati Arabi Uniti e nel 2016 fu accusata di avere orchestrato le manovre contro Bernie Sanders alle primarie. L'altro nome è quello di Brian Deese, possibile capo dei consiglieri economici. Deese è manager di BlackRock, gigante di Wall Street.

Dai blog