Cerca

lombardia

Milano: Covivio, 'assolutamente interessati ad aree ex Scalo Porta Romana'

14 Febbraio 2020

0
Milano: Covivio, 'assolutamente interessati ad aree ex Scalo Porta Romana'

Milano, 14 feb. (Adnkronos) - La società immobiliare Covivio è interessata alle aree dell'ex scalo di Porta Romana, a Milano, messe a bando da Fs Sistemi Urbani. Lo afferma Alexei Dal Pastro, amministratore delegato Italia del gruppo, presentando i risultati del gruppo. "Siamo assolutamente interessati alle aree del'ex scalo di Porta Romana, non ne facciamo segreto. Il bando - afferma - è uscito da pochi giorni e stiamo organizzando una squadra per lavorare al dossier".

L'area di Lodi-Porta Romana, a Milano, è una delle aree dove il gruppo è già presente con il progetto immobiliare Symbiosis: "Sta avanzando a ritmi serrati, il nostro obiettivo è di completarlo entro la prima metà del 2023". Al Symbiosis mancano ancora due immobili, mentre il lotto sud che ospiterà l'Ics International School sarà inaugurato a settembre 2020. "I risultati ottenuti ci spingono ancora di più a organizzarci sullo sviluppo, abbiamo un team locale molto forte con significativa esperienza e sicuramente quello che si può fare sullo scalo di porta romana è per noi di grandissimo interesse, anche perché è un'area su cui siamo già presenti". Adesso, aggiunge, "è il momento di studiare e definire il progetto che ha più senso per noi, poi valuteremo anche se partecipare con altri soggetti".

Per le manifestazioni di interesse c'è tempo fino al 2 marzo. L'obiettivo di Fs e Comune è chiudere entro la prima metà dell'anno, per partire subito con i lavori. Sull'area, ci saranno almeno nove ettari di terreno destinati al verde pubblico e a un parco.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Coronavirus, il video di Amadeus per la Rai: "Aiutiamoci l'un con l'altro"

Stefano Nicolao e l’arte dei costumi: l'intervista di Viviana Battaglione
Ballo di Carnevale tra le epoche al Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari
Coronavirus, il governatore delle Marche sfida Conte: "Chiudo le scuole", si va in Tribunale

media