Cerca

La Russa: badanti in regola

Maroni: "Nessuna sanatoria"

8 Luglio 2009

6
La Russa: badanti in regola
La Russa apre. Maroni chiude la porta. Sulla questione badanti (ossia sulla possibile sanatoria a colf e badanti dopo l'introduzione della nuova legge sulla sicurezza che facilita l'espulsione dei clandestini che lavorano in nero) c'è profondo disaccordo tra il ministro della Difesa e quello dell'Interno. Ignazio La Russa lancia una proposta: «Regolarizziamo solo le badanti, alle colf ci pensiamo dopo». Per il ministro alla base di tutto «c'è un problema morale per le famiglie che vedrebbero sottrarsi degli aiuti importanti. La nostra proposta - spiega La Russa - è restringere il campo alle badanti e non alle colf. Le badanti sono quelle che hanno già in corso un rapporto, anche se in nero, e che sono utili per anziani e persone portatrici di handicap...». La Russa spiega così la sua proposta. «Diamo l'incarico - dice - ai prefetti per vedere di verificare se c'è la possibilità di regolarizzare solo le badanti, potrebbero fare dei controlli efficaci in modo che gli abusi diventino fisiologici». E le colf? «Per le colf - spiega il ministro - non c'è urgenza. Vedremo cosa fare, ma per loro non credo che sia possibile una regolarizzazione...».

Ma Roberto Maroni frena: "Non ci sanà alcuna sanatoria per le badanti". Quella di questi giorni è "una polemica basata sul nulla", ha sottolineato il capo del Viminale, "visto che già da ora, prima dell'entrata in vigore del ddl sicurezza, i lavoratori in nero sono puniti. Già oggi se un clandestino svolge un lavoro in nero può essere espulso". Maroni prende dunque una posizione netta e allontana qualsiasi polemica, dubbio o fraintendimento: "Si sta facendo un gran discutere su una norma non ancora in vigore", ha aggiunto, "dimenticando che ci sono già leggi che puniscono il lavoro nero, specie se viene svolto da un clandestino".
E a proposito di eventuali sanatorie ha osservato che "il Parlamento è sovrano, ma io personalmente sono contrario ad una sanatoria che non si potrebbe fare per una particolare categoria di lavoratori. Ciò è fortemente sconsigliato dal patto europeo sull'immigrazione che è un impegno sottoscritto da tutti i capi di governo dell'Europa, per cui mi sento di escludere l'ipotesi di sanatoria". Il ministro dell'Interno ridimensiona poi i numeri circolati in questi giorni sulle badanti irregolari, ricordando che molte provengono da Paesi recentemente entrati nell'Unione europea e quindi non hanno bisogno di regolarizzazione.
Quanto all'eventualità del carcere per la badante, il ministro ha sottolineato che "il reato di clandestinità introdotto con il ddl sicurezza prevede una sanzione penale che non è il carcere, ma una pena accessoria e cioé la possibilità di immediata espulsione con provvedimento del giudice di pace". Dunque, ha aggiunto, "sono state fatte polemiche sul nulla visto che già oggi, col ddl sicurezza non in vigore, un clandestino può essere identificato ed espulso ed ulteriormente sanzionato se fa un lavoro in nero".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ercole.bravi

    09 Luglio 2009 - 11:11

    Posso essere sincero? non si è capito nulla del tuo intervento! Con chi ce l'hai con me ed altri perchè abbiamo osato dire che coloro degli onorevoli che dopo avere firmato e votato una legge contro la clandestinità, stiano gia virando verso una sorta di sanatoria? Lesa maestà? Non posso permettermi di dire che mi aspetto da una persona maggiorenne una sorta di coerenza almeno con le promesse fatte agli italiani o a chi li ha votati? Se Giovanardi si fuma qualcosa e dopa apre bocca dicendo fesserie, secondo te dovrei accettarlo a prescindere perchè fa parte della maggioranza che ho votato? Ma dove vivi? Se oggi è legge la clandestinità, tutti coloro che rientrano in queslla cerchia devono subirne le conseguenze Secondo te, le centinaia di migliaia di badanti, colf e chi più ne ha più ne metta, debbono stare tranquillamente ad infrangere la legge? Io sommessamente dico di no. Vengono espulsi, e se saranno nelle condizioni di essere riammessi perchè necessari, rientreranno. Cosa volgiamo sanare i bilanci inps con arretrati che queste persone non pagheranno mai? O pensi che io anziano che vivo di pensione debba versare i contributi per chi mi assiste, indebitandomi (perchè per pagare una persona che ti segua giorno e notte, oltre al mangiare e farla vivere con te in casa, non bastano mille euro al mese, parlo per esperienza diretta)? Quindi prima di fare proclami, pensare al ragionamento valutare i pro i contro e dopo, aprire bocca. Io ho solo fatto una considerazione, ma se vogliamo discutere dell'argomento, son e rimango sempre a disposizione. Salutia alla famiglia

    Report

    Rispondi

  • 2009SP

    08 Luglio 2009 - 20:08

    Ma che cacchio vuoi? Sei forse un politico del PDL in incognito? Sono un elettore del centrodestra e voglio che i politici che mi rappresentano tirino fuori le palle e prendano provvedimenti sociali ed economici che siano veramente nuovi,forti, straordinari e di vero cambiamento per far rinascere il nostro Paese, come ci hanno promesso in campagna elettorale. Di fichette indecise o di paraculi c'è già abbondanza nel centrosinistra. Oltre a ciò sono d'accordo con te che presto avremo in Italia una resa dei conti, ed io sarò in prima fila alla ricerca di chi ha partecipato alla rovina del nostro paese, per fargliela pagare amaramente, e tu cerca di essere al mio fianco in questo, anche perchè venire a cercarmi come hai scritto nel tuo intervento, non solo significa sbagliare bersaglio, ma ti assicuro, non ti conviene. Dopo questo scazzo in famiglia, ti saluto.

    Report

    Rispondi

  • mrjeckyll

    08 Luglio 2009 - 12:12

    Bravo nostrital bravo ercole. Cominciano a vedersi in giro annunci tipo "italiana/o referenzieta/o lureata/o offresi come badante anche part time", paga trattabile, meglio in nero, a metà prezzo delle moldave !!! bravi bravi, quando l'acqua sarà alla gola, quando sarà crisi vera (e manca poco) verremo in cerca di voi e allora vorrò proprio vedere il coraggio della vostra arroganza; sfogatevi a deridere il governo finchè potete permettervelo, se le cose precipitano, come l'INPS ad esempio, vi assicuro che avrete ben poco da ridere. Se non si arriverà a tanto sarà proprio grazie al governo di destra.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media