Cerca

Mancino: nessuna bocciatura,

il lodo Alfano va approfondito

16 Luglio 2009

5
Mancino: nessuna bocciatura,
Dal Csm non è arrivata alcuna bocciatura, ma solo l’invito a riflettere e ad “approfondire” la riforma del processo penale prevista dal lodo Alfano. Il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura Nicola Mancino ci tiene a precisarlo, affermando che il termine “bocciatura” apparso sulla stampa il giorno dopo le dichiarazioni da Palazzo dei Marescialli è “un’indebita forzatura”.
Il tutto è rinviato alla discussione di giovedì prossimo, quando il Consiglio si riunirà in plenum per “approfondire le valutazioni espresse in Commissione, ma anche per distinguere il momento della formulazione del parere dal momento della risoluzione finale, che è quello della competente sede plenaria”.
Mancino ha ricordato l’invito formulato dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che ha chiesto al Csm di “non dilatare i propri spazi di intervento”, sottolineando invece che “dialogare con il governo è necessario”. Rimane importante “apprezzare molti suggerimenti contenuti nello schema di parere, perché sono rivolti a razionalizzare, a semplificare e a ridurre i tempi lunghi del processo penale”.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allengiuliano

    20 Luglio 2009 - 14:02

    L'unica persona con cui non andrei mai a cena, non mi fiderei mai, "non dare i miei figli da educare", quello è Mancino. E' in quel posto perchè IMPOSTO!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • ludwigterzo

    16 Luglio 2009 - 17:05

    Possono dire ciò che gli pare,ma non possono,non contano nulla.Mancino,il csm,vogliono sempre dire la loro,tanto a noi che ce frega? pensino a lavorare!

    Report

    Rispondi

  • gmarcosig335

    16 Luglio 2009 - 15:03

    Ho un grande timore, dopo l'uscita di Napolitano sul Lodo Alfano, ora Mancino che non boccia ma... quì gatta ci cova.Non vorrei che Alfano e Berlusconi si lascino confondere da questi giudizi che sono sicuramente tendenti a far rivedere se non addirittura riconsiderare il provvedimento.Il Gatto e la Volpe spero proprio non induca il Governo ed Alfano a rivedere o addirittura cambiare il senso del provvedimento, guai ascoltare i cattivi profeti o le sirene, tutte al servizio della Magistratura schierata e guarda caso di sinistra.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media