Cerca

Cucchi, i tre medici indagati

rientrano in servizio

30 Novembre 2009

1
Cucchi, i tre medici indagati
Erano stati indagati per omicidio colposo, i tre medici coinvolti nell'inchiesta sulla morte di Stefano Cucchi. Oggi però la notizia è che che il trasferimento d'ufficio è stato infatti revocato oggi dal direttore generale dell'Asl Rmb, Flori Degrassi, e i sanitari sono stati reintegrati nel reparto penitenziario dell'ospedale Sandro Pertini. L'analisi non ha rilevato nessun "elemento relativo ad azioni e/o omissioni da parte del personale sanitario con nesso diretto causa-effetto" con la morte di Cucchi, che sarebbe dunque da classificare come "evento non prevenibile'', si può leggere nel documento.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dellelmodiscipio

    01 Dicembre 2009 - 09:09

    Talvolta, di solito sull'onda di pressioni che chiamerei "popolari" nel senso negativo del termine, i Direttori Generali delle USL licenziano in tronco i medici che appaiono indegni di essere addetti al servizio di cotante Eccellenze, e questo ora si applica anche ai medici delle carceri, che da qualche mese non sono più gestiti dal ministero di grazia e giustizia ma dalle regioni e ASL, come i medici "civili". E' una aberrazione, un potere arbitrario, una sorta di processo sommario paragonabile a certe iniziative di prèsidi scolastici nei confronti di insegnanti non graditi a genitori bigotti e simili. Anch'sospetto che quei medici non siano stati moralmente e professionalmente bravi, so anch'io che spesso la verità dei tribunali e la libera convinzione del giudice sono inquinate potenti influenze e distorsioni, ma perdio se un direttore di USL si sente in grado di passar avanti alla magistratura, siamo alla fine. Come mettere DiPietro a operare.

    Report

    Rispondi

media