Cerca

Diario

Sanremo, Fiorello e il "fattore Matteo"

7 Febbraio 2020

0
Sanremo, Fiorello e il "fattore Matteo"

Al Festival di Sanremo, ancora in corso, si è avuta prova che il nome Matteo funziona. Fiorello si è presentato alla prima puntata in abito talare, tipo Don Matteo e ha dialogato in maniera divertente con Amadeus sempre in quei panni. Quindi Don Matteo, Matteo Renzi, Matteo Salvini, ripeto: un nome che va. Certo, sarebbe stato bello che, sul palco dell’Ariston, oltre Fiorello Don Matteo, fosse comparso Terence Hill, il vero Don Matteo. Se, poi, fossero comparsi pure Matteo Renzi e Matteo Salvini, la cosa avrebbe avuto un certo riscontro. Ma anche una valanga di interpellanze parlamentari. Comunque, al di là di Fiorello, mi sembra un buon Sanremo.

di Maurizio Costanzo

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

"Se ne deve andare". La meloniana in aula con mascherina, insultata  "Vengo da Milano, e..." 

Coronavirus, controlli a Casalpusterlengo: ritardi nei treni a Milano
Coronavirus, Beppe Sala: "Rispettate le regole e niente corse ai supermercati per accaparrarsi cibo"
Coronavirus, Franco Bechis contro Giuseppe Conte & Co: "Cosa diceva il premier, chi sono i veri sciacalli"

media