Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Carola Rackete, Antonio Di Pietro: "I giudici devono sempre applicare le leggi, doveva essere arrestata"

Caterina Spinelli
  • a
  • a
  • a

La decisione del gip di Agrigento, Alessandra Vella, sulla mancata convalida d'arresto di Carola Rackete, è contraria anche al pensiero di Antonio Di Pietro. "Sul piano tecnico-giudiziario - spiega nella puntata di lunedì 8 luglio di Quarta Repubblica - io avrei convalidato quell'arresto". L'ex magistrato però mette le mani avanti: "È un'ordinanza fatta da una persona in buona fede. Non condivido e deploro le infamie che gli hanno detto contro". Leggi anche: Basta con i casi Sea Watch, arriva il pacchetto-Salvini per fermare gli sbarchi Poi chiarisce al conduttore Nicola Porro: "È un provvedimento da non condividere, fermo restando che io capisco le ragioni umane. Un giudice rispetta ed applica le leggi anche se non gli piacciono. Quella persona - prosegue - è stata arrestata per due ragioni: per la violazione di un codice della navigazione o per resistenza a pubblico ufficiale". "Se fossi giudice avrei applicato il decreto Sicurezza".  Qui l'intervento a Quarta Repubblica

Dai blog