Cerca

rabbia

Torino, marocchino aggredisce Gloria Cuminetti, l'attrice contro il decreto Sicurezza di Salvini

15 Settembre 2019

7
Torino, marocchino aggredisce Gloria Cuminetti, l'attrice contro il decreto Sicurezza di Salvini

L'attrice Gloria Cuminetti è stata aggredita per strada a Torino. La donna è stata colpita con un pugno al volto da un marocchino di 34 anni, bloccato dai carabinieri con l'uso del taser. L'uomo è stato arrestato per violenze e resistenza a pubblico ufficiale e lesioni gravi. Dagli accertamenti è emerso che poco prima aveva spintonato e ingiuriato anche una coppia di coniugi. In molti hanno manifestato alla Cuminetti pensieri di dispiacere, anche se i social non hanno evitato di condividere le parole che la stessa attrice usava contro il decreto Sicurezza di Salvini. 

Leggi anche: Immigrazione, dopo l'addio di Salvini gli arrivi sono aumentati: i dati del Viminale

"Un abbraccio a Gloria Cuminetti, (attrice torinese nota x essere contro i decreti sicurezza) colpita in pieno volto da un magrebino clandestino. Sono convinta che le persone che vivono completamente scollate dalla realtà, x capire di cosa si parla,debbano prima passarci di persona!" scrive un'utente.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dagoleo

    16 Settembre 2019 - 16:04

    ma si le voleva dare una carezza e gli è venuta fuori troppo intensa. le risorse si sà alle volte sono troppo affettuose. ma la Gloria l'avrà capito sicuramente che aveva ottime intenzioni.

    Report

    Rispondi

  • levantino

    16 Settembre 2019 - 14:02

    Hanno perso una sinistrorsa. A meno che: " Errare è umano. Ma perseverare,è diabolico."

    Report

    Rispondi

  • Damm a trà

    Damm a trà

    16 Settembre 2019 - 12:12

    Finalmente una bella notizia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Luca Zaia: "Basta insulti ai veneti, il mio compito è difenderli. Ora quereliamo"

Vincenzo De Luca: "Dialogo con il M5s? Non parlo più di politica politicante, solo fatti concreti"
Alessandro Morelli: "I 5s aprivano scatolette di tonno, gli altri sono figli delle sardine: un governo ittico"
Open Arms, il video propaganda dopo l'indagine contro Matteo Salvini

media