Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, Angelo Borrelli: "Chiusura totale? Non è sostenibile, sono state adottate le misure massime"

  • a
  • a
  • a

“Sono state adottate le misure massime che si potevano adottare”. Angelo Borrelli è categorico sull’argomento, l’Italia non ha bisogno di ulteriori restrizioni per fronteggiare l’emergenza coronavirus. “Dopo c’è la chiusura totale, ma mi domando come sarebbe possibile sostenerla”, aggiunge il capo dipartimento della Protezione Civile. “Alcune esigenze vanno assicurate, non possiamo garantire la fornitura della spesa a domicilio per tutti. Abbiamo previsto limitazioni alle attività lavorative non essenziali - chiarisce Borrelli - ma ci sono una serie di filiere dei servizi pubblici essenziali che devono essere garantite”. Fatto sta che i numeri dell'ultimo bollettino sono impietosi: 793 decessi in sole 24 ore per un totale di 4.825, mentre i contagiati sono balzati a 53.578. Con una crescita del genere l'Italia rischia di superare i dati della Cina, che pure è stata il cuore dell'epidemia: lì i casi confermati sono intorno agli 80mila, di questo passo ci arriveremo presto. 

Dai blog