Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, bollettino 12 gennaio: 14mila contagi, 606 morti e 196 ingressi in terapia intensiva

  • a
  • a
  • a

Il bollettino di martedì 12 gennaio rilasciato dal ministero della Salute conferma l’andamento preoccupante dell’emergenza coronavirus, anche se più contenuta finora rispetto agli altri paesi europei. Il vero problema dell’Italia continuano a essere i morti e la mancanza di spiegazioni a questo fenomeno che ci rende la maglia nera mondiale. Nelle ultime 24 ore sono stati riscontrati 14.242 contagiati, 19.565 guariti e 616 morti su 141.641 tamponi analizzati, con tasso di positività in calo al 10,1% rispetto al 13,6% di ieri. Dopo tre giorni in cui il numero dei decessi legati al Covid era oscillato tra 361 e 483, oggi ha subito una nuova impennata, che tra l’altro è ricorrente: l’8 gennaio erano stati registrati 620 morti, il 5 invece 649. Per quanto riguarda gli ospedali, il trend si conferma in leggero aumento ed è proprio quello che fa propendere il governo verso la conferma di misure restrittive abbastanza dure: il saldo dei ricoveri in reparti Covid è +109 (23.712 posti letto attualmente occupati), mentre quello in terapia intensiva è -6 (2.636). Una discesa, però, influenzata dal grande numero di decessi: gli ingressi del giorno in terapia intensiva sono stati 196, una cifra molto alta rispetto allo storico. L’unica vera buona notizia è che l’Italia si avvicina verso quota un milione di vaccinati: in totale le persone che finora hanno ricevuto la prima dose sono 731.539. 

 

 

Dai blog