Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Tito Boeri, il presidente dell'Inps lascia l'incarico il 16 febbraio: chi arriverà al suo posto

Gino Coala
  • a
  • a
  • a

Al presidente dell'Inps Tito Boeri non resta che riempire gli scatoloni e cominciare a liberare la scrivania. Il governo infatti ha deciso di andare fino nella riforma dell'organizzazione dell'istituto di previdenza e, come riporta l'Adnkronos, è pronto a reintrodurre nella governance anche il Consiglio di amministrazione, assente durante l'amministrazione dell'economista.  Leggi anche: Boeri, dall'Inps a leader del Pd: "Pensioni e reddito di cittadinanza, cosa succederà" Boeri resterà al suo posto fino al giorno della scadenza del suo mandato, non un giorno di più, quindi fino al 16 febbraio prossimo. Dopo quella data, l'esecutivo Lega-M5s ha intenzione di commissariare l'Inps. Nel frattempo, il governo sta preparando una modifica nel decreto sul reddito di cittadinanza e sulla riforma della legge Fornero. L'obiettivo di leghisti e grillini è evitare che Boeri si trasformi in un martire politico, per questo Matteo Salvini e Luigi Di Maio non hanno alcuna intenzione di rimuoverlo settimane prima della sua scadenza naturale. Secondo l'ipotesi più accreditata, il nuovo commissario nominato dal governo potrebbe poi diventare presidente a tutti gli effetti, non appena l'iter di nomina del Cda non sarà completata.

Dai blog