Cerca

Appunto

Filippo Facci: Il giudice ragazzotto

19 Dicembre 2014

1
Filippo Facci: Il giudice ragazzotto

Allora: se la maggioranza del Csm (4 togati e 7 laici di destra e di sinistra, compreso un consigliere "grillino") più il presidente della Repubblica (che è anche presidente del Csm) più i vertici della Cassazione (primo presidente e procuratore generale), se tutti questi, insomma, hanno deciso di nominare Franco Lo Voi a capo della procura di Palermo, beh, può darsi che questo Lo Voi qualche requisito l'avesse. Infatti ce l'ha: tuttavia i soliti impallinati antimafia ora paventano un «rischio isolamento» per il processo sulla trattativa, che in realtà è sempre stato isolato: dalla realtà. La stessa realtà in cui era tempo di mettere a capo della procura una persona normale, che si occupasse anche di cose normali. Divertente che Lo Voi, essendo magistrato inattaccabile, ora venga attaccato per un suo pregio: infatti ha «solo» 57 anni, che secondo i suoi detrattori sarebbero troppo pochi. Non a caso il Fatto Quotidiano sosteneva «l'esperienza» dei visionari Guido Lo Forte e Sergio Lari, due che vanno per i settanta e che saranno pensionati entro tre anni o quattro anni: peccato che l'incarico a Palermo ne duri otto. Divertente, pure, che il solito Marco Travaglio ieri abbia strillato così: «È un replay dell'operazione che nel 1988 portò l'anziano Antonino Meli e non l'esperto Giovanni Falcone al vertice dell'Ufficio Istruzione». Dunque Meli era anziano, secondo Travaglio. È vero: infatti aveva la stessa età che, ora, hanno Lari e Lo Forte. Falcone, invece, aveva otto anni meno di Lo Voi.

di Filippo Facci

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Garrotato

    20 Dicembre 2014 - 09:09

    Se ha "solo" cinquantasette anni, può darsi che abbia ancora voglia di occuparsi con impegno del proprio lavoro, anziché tirare a campare in attesa della quiescenza come un settantenne. Ma forse è questo che a qualcuno potrebbe dar fastidio.

    Report

    Rispondi

media