Cerca

Il futuro dell'Europa

Vittorio Feltri: "Facciamo fallire la Grecia, ecco cosa succede"

19 Aprile 2015

15
Vittorio Feltri

Vittorio Feltri è convinto che basta, bisogna che la Grecia fallisca. Partendo dalla premessa che il Paese è in defaul, che non ha soldi e non riesce a pagare i debiti. "Non ha importanti aziende che producano ed esportino; il turismo è un suo punto di forza, ma non basta per aggiustare i bilanci; gli armatori agitano un' arma micidiale di ricatto: se il governo ci aumenta le tasse, noi espatriamo, delocalizziamo e non sganciamo più un soldo". "Una situazione del genere - continua Feltri su Il Giornale - non promette nulla di buono: all' orizzonte si profila un fallimento tragico del Paese. Da anni Atene tira la corda, e la corda si è sfilacciata: è sul punto di spezzarsi".  

Il futuro - A questo punto, il fontatore di Libero ed editorialista del Giornale spiega, con il fallimento della Grecia l'Europa si renderà conto che la moneta unica "è stata una maledizione per chiunque l'abbia adottata perché esso non è all'altezza di rappresentare più di 20 economie diverse, 20 culture diverse, 20 legislazioni diverse, 20 lingue diverse. È fonte di confusione, come ampiamente dimostrato dalla politica schizoide di Bruxelles". Non è ottimista, Feltri, che scrive: "Non abbiamo strumenti idonei a prevedere le conseguenze di una simile crisi monetaria, ma siamo sicuri che essa sia inevitabile". Da qui la previsione: quando arriverà il crac ogni Paese dovrà trovare una soluzione tranne quelli come l'Inghilterra, la Danimarca e la Svezia che dell'euro hanno sempre diffidato.  "Siamo alla vigilia del terremoto eppure non abbiamo paura: viviamo alla giornata, confidiamo nello stellone protettivo, pensiamo che tutto sommato ce la caveremo o, peggio, che sarà una passeggiata"

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • micael44

    25 Aprile 2015 - 11:11

    Tra i tanti guai del nostro Paese si aggiunge il tanto osannato Mattarella che, a mio modesto parere, tutto fa meno che occuparsi dell'Italia. I soliti discorsi preconfezionati e flemmaticamente letti, qualche "consiglietto" a chi governa, disinteresse per l'Europa - se non le doverose visite con le tre quattro paroline di circostanza -, insomma, chi si fa i fatti suoi campa cent'anni!!

    Report

    Rispondi

  • paolo44

    20 Aprile 2015 - 12:12

    Sarà come dopo la seconda guerra mondiale. Tutti con le pezze nel sedere, e si riparte da zero. E largo a chi lavora sul serio. Meglio un tracollo subito e la rinascita poi,che la schiavitù perpetua che ci si profila come andiamo ora.

    Report

    Rispondi

  • Giovamni

    20 Aprile 2015 - 08:08

    Non potete scrivere tutti i giorni in prima pagina che chi governa non sta risolvendo i problemi? Perché i vari antagonisti del pd non bloccano il parlamento e obbligano il governo a cambiare rotta? Perché le più alte cariche presidente, corte dei conti..... Non fanno nulla per cambiare la situazione?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media