Cerca

Appunto

Filippo Facci: Filini al potere

4 Novembre 2015

2
Filippo Facci

Facci visto da Vasinca

È terribile, ma ho il sospetto che ogni nuovo approccio dei 5 Stelle alla democrazia (vi prego, guardatevi i video dei candidati sindaco a Milano) rappresenti un divorzio dalla democrazia per altrettanti cittadini, tra questi io. Sul tema circolano svariati saggi, ma alcuni di noi forse non meritano tanto: basta osservare quanto è bassa certa democrazia dal basso. L' annichilente pochezza degli otto candidati milanesi (cinque minuti a testa per presentarsi) si sposa con ciò che hanno ritenuto di dover dire per meritare l' elezione: sono disoccupata, sono vegetariano, sono nato sotto i bombardamenti, sono povero, ho chiesto di togliere i piatti di plastica dalle mense, non so nulla di politica, roba così, un modesto drappello di ragionier Filini tempestati dal forcing contapiselli di un pubblico di posapiano e scassacoglioni cronici.

"Abbiamo collezionato 1100 istanze" ha detto un tizio nel raccomandare "un applauso alla Marialaura". La prima domanda ai candidati è quella che più interessava: la loro dichiarazione dei redditi, una gara a chi guadagnava meno. Ha vinto una consigliera di zona 3 (unica donna) che come tale prende 500 euro al mese e vive di quello: una professionista della politica.
Momento di panico quando un pensionato ha detto di prendere "20mila euro al mese" (brusio in sala) ma poveretto, intendeva all' anno. La Seconda Repubblica ci ha consegnato eserciti di seconde e terze file, sfigati e ambiziosi. Ora siamo agli sfigati senza ambizione.

di Filippo Facci

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LupettoVersilia

    LupettoVersilia

    05 Novembre 2015 - 00:12

    Mi sento male dal ridere ! , guarderò sicuramente i geni grillini :-D

    Report

    Rispondi

  • giancarlop

    04 Novembre 2015 - 13:01

    Come per la ricchezza il 90% della intelligenza umana è posseduta dal 10% degli individui, le persone che hanno di più sono spesso viste con sospetto da quelle che hanno di meno, ne consegue che la democrazia (in particolare quella grillina) non possa che promuovere gli stupidi che peraltro essendo probabilmente anche poveri e non solo di spirito tendono a rubare. Anche io sono divorziato da tempo

    Report

    Rispondi

media