Cerca

Insulti in rete

Altero Matteoli, Renato Farina: l'esultanza disgustosa per la sua morte

21 Dicembre 2017

12
Altero Matteoli, Renato Farina: l'esultanza disgustosa per la sua morte

Dispiace controllare le fogne, mentre c' è un amico da piangere. Ma bisogna sistemare le cloache prima che, esondando, inquinino la memoria e la reputazione postuma di Altero Matteoli. Ma sì, prendiamola così: tagliare le unghie che lo hanno oltraggiato è una occasione in più per celebrare qui una bella persona, «un signore ardente e coerente», come ha riconosciuto Paolo Gentiloni, che lo conosceva bene. Non si risparmiavano giudizi taglienti. Ma siamo persone non scotennatori di nemici. Altero è stato sin da giovanissimo missino in terre rosse, mica facile. Infine è approdato in Forza Italia.
Da sempre un ambientalista ma di destra, e perciò stimava la capacità degli umani di migliorare la natura invece di lasciarsene travolgere. Post fascista gentile senza nostalgie di camicie nere.
Infine, è morto sul lavoro, come un operaio della politica.

Ma sì: si è schiantato mentre a 77 anni lavorava: è andato a sbattere mentre, senza permettersi la siesta dei bivaccatori fancazzisti, guidava in solitaria la sua macchina per correre a qualche incontro politico del lunedì. Si chiama anche questa politica, una certa passione per il destino comune. Non sempre, neppure da ministro dei Trasporti è riuscito a realizzare i suoi buoni propositi, e ne è morto: l' incidente gli è capitato sull' Aurelia, che da quelle parti della costa tirrenica, zona Orbetello, è una specie di roulette russa che si allarga e restringe a sorpresa: voleva costruire un' autostrada osteggiata dai Verdi e dai compagni. E forse non è un caso che il tipo che vedremo tra poco sintetizza in sé il peggio delle due categorie.

Il capo della ciurma di queste iene che si avventano su questo povero corpo è l' onorevole, ex deputato dei Verdi, Stefano Apuzzo, attuale militante di "Liberi e Uguali", il partito di Grasso e soprattutto di Laura Boldrini, famosa per essere una cacciatrice seriale di haters (odiatori) su internet. Non si registra al momento, mentre scriviamo, alcun moto di indignazione né si sta provvedendo a sospendere questo figuro. Ha infatti commentato al volo, mentre quel corpo non era ancora stato composto, squarciato dalle ferite: «L' ex ministro dell' Ambiente Altero Matteoli? Un uomo di merda mort e bbuon! Un ignorante di rara fattura».

CINGHIALI E BAMBINI Perché l' ho ricordato come ministro dell' Ambiente (1994, quindi 2001-2006) e non dei Trasporti? Non era un fondamentalista. E osò dire, appena diventato ministro, 23 anni fa, che prima di bandire la caccia ai cinghiali bisognerebbe vietare la caccia ai bambini non ancora nati. In fondo la natura non prevede l' uso di attrezzi metallici per tagliare le gambine delle creature.
Apuzzo ha scritto un libro, da verde comunista e fondamentalista, che si intitola Qua la zampa, di certo alcune bestie mangiano i morti della loro specie, ma non gli sputano addosso come fa lui. Apuzzo era persino simpatico quando si vantava di indossare scarpe senza uso di cuoio, ma amare gli animali non assolve le carogne che si trasformano in iena ridens. Nel Libro della jungla di Kipling tutti gli altri animali disprezzano la viltà delle iene.

Qualcuno dovrebbe dimetterlo da assessore della giunta di sinistra a Rozzano, nel Milanese. Ma non credo accadrà. Ci auguriamo però lo espellano almeno dall' Unione Samaritana di cui vanta l' appartenenza per far vedere com' è buono lui.
Apuzzo è solo il capo branco dell' ululante mandria sciacallesca, composta da tre sottospecie di stronzi gaudenti. C' è quella dei comunisti ecologisti o leninisti, per i quali l' unico fascista buono è quello morto, e di cui abbiamo nominato la mosca cocchiera. Al seguito c' è anche un intero partito, sono i «Proletari comunisti», dotati di blog, dove si esibisce l' effigie di Lenin. Scrivono: «Matteoli... prima fascista, poi berlusconiano doc, sempre attaccato alle poltrone, infine come è naturale corrotto...
Ma per Renzi e Pd: un avversario che conosceva il senso e la dignità delle istituzioni (?!)». Tutto sommato sono dei moderati, favorevoli al gulag siberiano, e alla fossa comune per i nemici di classe, ma con i dovuti modi.

C' è una seconda categoria: i giustizialisti, per i quali Matteoli era un ladro e un corrotto, meritevole del giubilo popolare per la morte tragica. Aveva subito una condanna in primo grado?
Vero, ma gridando la sua totale estraneità ai fatti del Mose di Venezia, senza avere la possibilità di discolparsi, come ha documentato Maurizio Gasparri. Primo grado, oltretutto! Innocente dunque, secondo la Costituzione che questa gentaglia finge di adorare.

PAROLA AGLI AVVOCATI Poi arriva la terza sub-specie, con la pelle color del vomito, che si riversa sui siti di tipo grillino, e gode perché è morto un politico: un vitalizio di meno, ruberà anche agli angeli, anzi corromperà anche i diavoli eccetera. Sono tanti. Youreporter ne ha selezionate alcune centinaia. Sarà un buon lavoro per la polizia postale, rintracciarli (le denunce sono partite).

Il sito Repubblica.it ha dovuto intervenire cancellando numerosi messaggi postati sotto l' immagine delle lamiere dov' è morto Altero. Scrive Repubblica.it: «Abbiamo deciso di cancellare molti commenti sotto questo post perché irrispettosi di una persona (chiunque essa sia) che ha perso la vita e che aveva una famiglia e degli amici.
Gioire per una morte non è mai accettabile». Devono essere stati proprio tanti e pure disgustosi, perché normalmente il moderatore lo fa senza bisogno di segnalare il fatto e fare la predica ai propri frequentatori. Che razza di gente è questa capeggiata dal compagno Grasso, Boldrini, Bersani e D' Alema?
Scrive la signora Grazia Fiore: «Io ho paura di tutto questo rancore, di tutta questa cattiveria». Un certo libro dice, a proposito dell' islam, Non abbiamo abbastanza paura (Feltri, Mondadori editore). Vale certo anche per queste iene. Con un sottotitolo: non ci fanno abbastanza schifo.

di Renato Farina

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nikidecata

    22 Dicembre 2017 - 10:10

    GLI AUTORI DI QUELLE FRASI SON GLI STESSI CHE PRENDONO A CALCI LE BARE!

    Report

    Rispondi

  • heidiforking

    21 Dicembre 2017 - 22:10

    Tranquilli che nessuno è immortale ...ed un giorno anche apuzzo sarà mort e buonn, però chissà se la sua sarà veloce ed improvvisa.......chissà......i cinesi ci insegnano ce bisogna solo aspettare

    Report

    Rispondi

  • patriziabellini

    21 Dicembre 2017 - 21:09

    Pensate se queste cose le avesse scritte qualcuno di destra!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media