Cerca

Giustizia

Vittorio Feltri: Luca Palamara infilzato come un tonno. Perché solo lui? La verità sulle manovre nel Csm

15 Luglio 2019

1
Vittorio Feltri: Luca Palamara infilzato come un tonno. Perché solo lui? La verità sulle manovre nel Csm

Da settimane ormai i giornali si occupano della vicenda Luca Palamara, articoli complessi e incomprensibili che narrano di cose astruse di cui non ho mai afferrato il senso.

Ho capito soltanto che questo rispettabile signore si è comportato secondo il costume italiano e forse mondiale. Cioè, in occasione delle elezioni del Consiglio superiore della magistratura, essendo egli stato presidente della Anm, ha brigato per appoggiare soggetti a lui graditi, pratica diffusa in ogni categoria professionale chiamata a scegliere propri rappresentanti. D'altronde, con l'avvicinarsi di qualsiasi votazione è fatale che scatti una campagna per spingere Tizio o Caio. E quali altri luoghi, se non in quelli deputati alla tessitura di relazioni sociali, come i ristoranti, si potrebbero ospitare riunioni corporative che non hanno nulla di losco e segreto?

Palamara si attovagliava con influenti colleghi per stabilire chi doveva salire e chi scendere? Dove sta il problema? Poi si mormora che egli incassasse denaro. Da chi e perché? Non sussistono al momento prove e, prima di sospendere dalle funzioni e dallo stipendio una toga, sarebbe meglio dimostrare le sue colpe, per ora nebulose, vaghe, non accertate. Io non ho una particolare stima nei confronti di giudici e generi affini, i quali a volte emettono sentenze che mi fanno accapponare la pelle, ma non riesco a tollerare che venga preso Palamara e sbattuto sulle prime pagine dei quotidiani come se avesse ammazzato la portinaia.

Il buonsenso impone un minimo di prudenza: fategli un processo se avete in mano elementi che lo inchiodano alle sue responsabilità, però smettete di esporlo alla berlina. Gli vengono rivolte imputazioni stravaganti e che puzzano di falso lontano un miglio. Non ha rubato, non ha distorto giudizi nell'esercizio del proprio lavoro: si è limitato a influenzare qualche promozione, ciò che è sempre avvenuto anche nell'ambito della giustizia.

Segnalo che la selezione dei membri del CSM e la assegnazione delle poltrone sono sempre avvenute tramite manovre sopra e sotto il tavolo. Se il metodo in questione non funziona, cambiatelo senza rovinare l'esistenza di un uomo quale Palamara, il quale magari è brutto ma non un farabutto.

di Vittorio Feltri

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Carlito58

    16 Luglio 2019 - 04:10

    ma cosa sta dicendo questo fulminato ?? ... allora gli inciuci li facciamo diventare uno standard ... perchè intanto li fanno tutti !!???

    Report

    Rispondi

Emilia Romagna, Stefano Bonaccini s'infuria con la sicurezza: "Basta, fate solo casino. Sto parlando in tv"
Emilia Romagna, papà Borgonzoni al comitato di Stefano Bonaccini: "Non mi dispiace per mia figlia Lucia"
Silvio Berlusconi telefona a Jole Santelli, Dudù "rovina" la festa di Forza Italia: imbarazzo in Calabria

media