Cerca

L'analisi

Vittorio Feltri: "Cinque stelle questuanti senza dignità. Vogliono solo mantenere la poltrona"

23 Agosto 2019

5
Vittorio Feltri: "Cinque stelle questuanti senza dignità. Vogliono solo mantenere la poltrona"

Non credo che la crisi di governo appassioni gli italiani, i quali non ne hanno compreso i motivi non perché siano scemi bensì perché i motivi in questione non esistono. Lega e M5S prima delle elezioni del marzo 2018 erano acerrimi nemici, non erano d'accordo su nulla, se bere il caffè liscio o corretto. Poi, si sa come vanno le cose in politica, i due gruppi, pur di non disperdere i loro consensi, si sono associati, per tirare a campare, sulla base di un contratto stravagante tipo quello che un tempo avveniva tra sensali di lenticchie. E, tra una bega e l'altra, sono riusciti ad andare avanti oltre un anno.

Non pensavo che la collaborazione proseguisse fino a ieri, che potesse durare così a lungo. Infatti il bubbone è scoppiato e ora sarebbe velleitario tentare di incerottare le ferite. I grillini hanno in Parlamento il 33 per cento, più che sufficiente per menare il torrone. Però abbisognano di una stampella allo scopo di riprendere il cammino governativo, cosicché si sono rivolti quali questuanti al Pd chiedendogli di sorreggerli, immemori che tra questi due partiti esiste da sempre una ruggine ineliminabile. Se essi fossero coerenti con la propria storia non si annuserebbero nemmeno, poiché però c'è di mezzo la sopravvivenza della legislatura, posti e indennità, lavorano alacremente nella illusione di scovare la scusa onde percorrere insieme un altro tratto di strada.

Naturalmente è una manfrina, benché nobilitata - si fa per dire - da discorsi programmatici e para ideologici. Io ti do questo e tu mi concedi quest'altro. Un gioco teso a limitare la brutta figura che la casta ha rimediato. In sintesi, azzardiamo l'ipotesi più probabile circa la chiusura della commedia in svolgimento: gli attori non si limitano a voler salvare la faccia, pretendono soprattutto di salvare la poltrona che sta loro a cuore assai più di ogni altra cosa, dignità compresa. Recentemente infuriano le polemiche, le dichiarazioni di intenti, le promesse eccetera. Fumo negli occhi dei cittadini che assistono sgomenti al pandemonio in corso nei palazzi romani. 

Il finale mi pare scontato: avremo un nuovo esecutivo che - garantito al limone - farà rimpiangere quello vecchio. È sempre successo, succederà regolarmente.

di Vittorio Feltri

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    24 Agosto 2019 - 15:03

    2 Inciuci, due cialtronate a pari merito.

    Report

    Rispondi

  • AnnalisaB

    24 Agosto 2019 - 15:03

    Infatti doveva Governare la Coalizione di Centro Destra, che aveva la maggioranza, ma Mattarella non ha voluto, costringendo i politici a queste unioni contro natura, destinate al divorzio.

    Report

    Rispondi

  • myvoice2

    myvoice2

    24 Agosto 2019 - 10:10

    Sig. Feltri, purtroppo, ha pienamente ragione. Siamo essenzialmente un popolo molto diviso e questo offre un'oppurtinità troppo imperdibile per il PD di ritornare. Si è fatta l'Italia, ma non si sono fatti gli italiani, -Massimo d'Azeglio 1861-

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Juventus, arrestati dodici capi ultrà bianconeri. Le immagini della polizia

Giuseppe Conte ai 42 sottosegretari: "Serve dialogo con tutte le forze politiche per attuare il programma"
Lega a Pontida, tutte le stravaganze dei manifestanti
Matteo Salvini sale sul palco di Pontida, ovazione mai vista: "Se fate così mi commuovo"

media