Cerca

Il retroscena

Antonio Socci: Conte a caccia di consensi in Vaticano invano. Con Papa Francesco la Lega è salita dal 4 al 34%

2 Febbraio 2020

0
Antonio Socci: Conte a caccia di consensi in Vaticano invano. Con Papa Francesco la Lega è salita dal 4 al 34%

A volte la realtà riesce a bucare il muro di propaganda e fake news, dissolvendo perfino i fumi della sbornia propagandistica sull'Emilia Romagna. La mina vagante Carlo Calenda, essendo ai margini - per criticare il papocchio governativo di agosto fra Pd e M5S - questa verità dei fatti l'ha svelata così in un tweet: «Dal 29 agosto 2019 a oggi il blocco di Centrosinistra è passato dal 46,5% al 34,3%. Il blocco Lega-FdI-FI dal 45,6% al 50,5%. Mi pare un' operazione riuscitissima» ha concluso ironicamente. E a chi gli ha obiettato che comunque il Pd ha il potere e comanda (sia pure a dispetto degli italiani), sottintendendo che il centrodestra ce l' ha in saccoccia, Calenda ha replicato: «Spero sia una battuta. Questi sono i dati perché hanno fatto il Governo! Che peraltro sta governando pessimamente. Quando (il centrodestra) sarà al 60% continueremo a dire "che bello li abbiamo tenuti fuori dal Governo"?».

Calenda, in questo caso, ha ragione, perché l' esecutivo davvero si dimostra pessimo ed è alla paralisi completa. Basti dire che di fronte ai disastrosi dati economici dell' Istat relativi all' ultimo trimestre 2019 - il Pil negativo (-0,3%, il dato peggiore dal 2013 e il peggiore dell' eurozona), con 80 mila posti persi nel solo dicembre - il ministro dell' Economia Gualtieri ha dato la colpa al maltempo di novembre. Comicità pura. Ci mancava solo che evocasse la famosa "morìa delle vacche" di Totò e Peppino È un governo alla paralisi che sta portando l' Italia nel burrone (e ce lo precipiterà definitivamente se firmerà il Mes). Non ha nessuna politica e non sa come tirare avanti fino ad aprile-maggio quando finalmente potrà buttarsi nella grande abbuffata delle nomine (centinaia di poltrone). Questo è il loro unico pensiero e il loro traguardo.

È in questo contesto che a Palazzo prende corpo il diversivo: la grande arma di distrazione di massa per questi tre mesi (che fra l' altro preludono ad altre elezioni regionali). Non potendo riguadagnare consenso con idee forti per l' Italia e con una seria azione di governo, perché brancolano nel buio, avendo prospettive economiche catastrofiche per il 2020 (anche perché si aggiungeranno le conseguenze del coronavirus) cosa hanno escogitato per distrarre gli italiani dal loro disastro politico? Il grande Diversivo è la "lotta al Mostro", la lotta senza quartiere alla barbarie in agguato, al bruto che è il leader leghista. Puntano perfino alla sua cancellazione dalla politica mandandolo a processo per aver fermato per alcuni giorni lo sbarco dei migranti dalla nave Gregoretti (ieri è arrivata una nuova richiesta di autorizzazione a procedere contro Salvini per la nave Open arms, una Ong spagnola che stava in acqua internazionali).

ANNI SETTANTA - A parte queste vicende, appare chiaro che la Sinistra non vuole (o non sa) combattere politicamente Salvini contrapponendogli sue idee col rispetto che si deve agli avversari. Ma ha lanciato una campagna di demonizzazione che va avanti da tempo ed è esplosa durante la campagna elettorale dell' Emilia Romagna. Soprattutto sull' orchestra mediatica, quasi tutta impegnata ormai a criminalizzare l' opposizione, con toni e argomenti che ci riportano agli anni Settanta, perché sembrano volere la distruzione morale del nemico (pure per il coronavirus hanno trovato il modo di dare addosso a Salvini). Oltretutto ci sono anche tentativi di restringimento degli spazi politici e della libertà di azione dell' opposizione.

Questa atmosfera di demonizzazione dell' opposizione di solito si vede solo nei regimi illiberali e il centrodestra sbaglia a sottovalutarla. È una campagna di odio puntata soprattutto sulla persona di Salvini, come ha rilevato anche quell' osservatore obiettivo e scientifico che è Luca Ricolfi (ma presto potrebbe toccare anche alla Meloni, come già, nei decenni scorsi è toccato a Berlusconi). Tale campagna di demolizione ha delle differenze rispetto agli anni Settanta: a quel tempo alla base c' era un' ideologia che era esplicitamente un' ideologia dell' odio ed era largamente egemone nelle piazze, nelle scuole, nelle fabbriche, nei giornali. Ma era all' opposizione delle istituzioni: il governo e i partiti di governo erano, anzi, il bersaglio di questa demonizzazione. E il governo aveva strumenti - anche mediatici - di difesa.

Oggi la demonizzazione è cavalcata sempre dalla Sinistra che però ha il potere. Soprattutto viene realizzata con una scaltra operazione di ribaltamento, per cui è proprio questo "partito dell' odio" che mette sotto accusa l' opposizione accusandola di fomentare odio. Un ribaltamento propagandistico delle parti che ricalca la famosa e sempre valida favola di Fedro: "Superior stabat lupus".

IL LUPO E L'AGNELLO - Il lupo sta più in alto, nel corso del torrente, e accusa l'agnello di sporcare l'acqua che entrambi bevono. A quell'accusa l'agnello cerca di difendersi facendo notare che lui sta a valle (era infatti il lupo a sporcare l' acqua). Allora il lupo - cercando un altro pretesto - accusa l'agnello di aver detto male di lui (lo accusa di odio, di hate speech).
L'agnello fa presente che al tempo dei fatti non era ancora nato (nella nostra storia repubblicana infatti la vera e propria ideologia dell' odio, quella comunista, è stata professata dalla Sinistra). Il lupo allora decide che la colpa doveva essere dei suoi avi e si scaglia sull' agnello per mangiarselo. Sempre - si potrebbe dire - col pretesto delle "parole di odio" che l' agnello non aveva mai pronunciato.

Certo, alla Sinistra dovrebbe riuscire difficile una tale operazione, essendo sempre vissuta nell' ideologia dell' odio e della demonizzazione (anche negli anni Novanta). Ma ci riesce grazie alla verginità che riesce - più o meno maldestramente - a ricostruirsi grazie ai media, con operazioni di propaganda come le sardine (che però non riescono a nascondere la loro natura intollerante) e grazie a qualche errore di esponenti del centrodestra. A offrirsi oggi al Pd di Zingaretti come leader e simbolo di questo partito dell' odio antisalviniano è Giuseppe Conte, sapendo di portare in dote alla Sinistra i resti del M5S e un' immagine politica da "foglia di fico" istituzionale.

TUTTI CONTRO UNO - È stato il primo a commentare i risultati dell' Emilia Romagna lanciando il "partito antisalvini" (tutti contro uno) anche perché questo gli permette di eludere il fallimento del suo governo e i risultati devastanti sul piano economico. Per questo fa la spola anche nel mondo clericale - dai francescani ai gesuiti, passando per la Segreteria di Stato vaticana - così da portare in dote a Zingaretti anche il "partito dell' odio" antisalviniano delle curie. Si tratta però solo delle sacrestie clericali, perché il popolo cattolico in gran parte vota il centrodestra e dissente dal fanatismo di sinistra bergogliano. Il divorzio fra élite clericale e popolo cattolico è cominciato sui migranti, per la disastrosa politica delle frontiere aperte iniziata dal Pd, su impulso di Bergoglio, dal 2012. Da allora i cattolici preferiscono Salvini. Quando è arrivato Bergoglio, nel 2013, la Lega aveva il 4%. Oggi dopo sette anni di Bergoglio ha il 34%. Vorrà dire qualcosa?

di Antonio Socci
www.antoniosocci.com 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

"Paghi per le sciocchezze, devo mostrare gli sms?". Conte, clava-virus su Salvini

Coronavirus, la meloniana Baldini in aula con la mascherina: "Sono medico, vengo da Milano. Perché l'ho fatto"
Coronavirus, la denuncia del leghista: "Deputati bloccati al Nord e la Camera non controlla gli ingressi"
Coronavirus, controlli a Casalpusterlengo: ritardi nei treni a Milano

media