Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Periscopio, gli eventi vip della settimana

Ivan Rota
  • a
  • a
  • a

Una serata diversa dal solit Se desideri trascorrere una serata diversa dal solito, gustando dell'ottimo cibo in compagnia di tanta buona musica, il Mejor Milano – Restaurant cafè è il ristorante con musica dal vivo che stavi cercando. Nel centro della città, a due passi da Corso Buenos Aires, il  locale ti sorprenderà con le sue pietanze e l'atmosfera divertente e allegra in grado di creare serate all'insegna del buon umore e del relax. A fare da sottofondo la musica dal vivo con piano bar e artisti pronti ad accompagnarti dall'aperitivo fino al dopocena. Nel ristorante con musica dal vivo potrai gustare una deliziosa cena, stupire i tuoi amici, oppure la tua compagna, grazie ai sorprendenti menù e alla partecipazione di grandi artisti e ospiti. Ad animare le serate, il venerdì Lorenzo Zambianchi e il sabato Paolo Manila. Nelle foto il patron del Mejor Pasquale Battaglia sopra con Paolo Manila, sotto con Lorenzo Zambianchi.A Phoenix in Arizona (U.S.A.) si è svolta la XXV^ edizione della Celebrity Fight Night uno dei più importanti e celebrati eventi di beneficienza degli Stati Uniti che da 25 anni supporta la fondazione del celebre pugile Muhammed Ali attiva nella lotta contro le malattie neurologiche. Crystal Couture Milano, unico brand italiano presente,è stato scelto per il quarto anno consecutivo dalla CelebrityFight Night per realizzare il bracciale ufficiale dell'evento.Il bracciale limited edition personalizzato con la placchetta della CFN è stato realizzato in soli 500 esemplari per gli ospiti della serata di gala. Si conferma, dopo la partnership con le ultime quattro edizioni della Celebrity Fight Night in Italy e tre edizioni a Phoenix, la collaborazione tra i brand Crystal Couture Milano e Celebrity Fight Night.Attraverso questo grande evento in 25 anni sono stati raccolti oltre 125 milioni di dollari che sono andati a finanziare l'attività del Muhammad Ali Parkinson Center .Il fondatore della CFN Jimmy Walker e il ceo Sean Currie hanno accolto gli oltre mille ospiti della cena di gala nel salone delle feste del JW Marriott Desert Ridge Resort di Phoenix per una splendida serata all'insegna del divertimento e della beneficenza. Crystal Couture Milano è un lifestyle brand nato nel 2007 a Milano da una “brillante” idea di Paola Boscolo.   Lady Press Office Lorella Maselli , la famosa Lady Press Office, sceglie “Ai piedi dell'Etna” per il suo aperitivo very cool. La brasserie siciliana “Made in Catania”, ha creato per Lei il coloratissimo cocktail a base di gustosi sciroppi . L'aperitivo siciliano, è diventato un appuntamento da non perdere, per tutti coloro  che vivono ai bordi della tipica darsena milanese . Da non perdere il succulento must.    UN NUOVO SUCCESSO PER LA VIE EN BLANC ATELIER La Tuscia, terra forte di tradizioni, conserva intatto il proprio spirito antico e continua a raccontare storie che parlano di luoghi magici, borghi incantati e natura incontaminata. L'Antico Borgo di Sutri, gestito da Federico Fortin, ne è una forte testimonianza, un luogo simbolico in cui si respira, in una atmosfera di raffinata eleganza, la grande tradizione di storia e di arte di questo splendido territorio. Gli edifici attuali, seppure realizzati nelle architetture più moderne, rappresentano un omaggio alla storia della Tuscia ed alla profonda tradizione locale. Una straordinaria location immersa nel verde che offre innumerevoli soluzioni per l'organizzazione di eventi e matrimoni, in un ambiente accogliente e raffinato, grazie alla collaborazione con i migliori professionisti del wedding tra i quali Valentina Melini, la brillante wedding planner che ha coordinato le attività di questo delizioso Open Day, andato in scena Sabato 16 marzo 2019. Un evento in cui la nuova stagione era l'elemento dominante, a partire dagli scenografici allestimenti floreali curati da Paola Rossi & Elisa Costantini che hanno portato un anticipo di primavera al Borgo di Sutri, luogo ideale per celebrare i matrimoni potendo accogliere, in un'unica location, tutti i momenti delle nozze, dalla cerimonia al ricevimento. Allietate dalla musica del Quartetto Sharareh, l'elegante formazione di archi tutta al femminile, le numerose coppie di sposi hanno ammirato gli splendidi abiti della Spring Capsule Collectionrealizzata da La Vie En Blanc Atelier, un vero e proprio inno alla primavera, con tessuti colorati floreali nelle sfumature del verde al lilla, soffici tulle e ricami di fiori su basi di organze che sfumano dal bianco al cipria con incastonature di margherite nella stessa nuance in un esuberante tripudio di fiori capace di donare leggerezza e colore che ritroviamo anche neipreziosi decori dipinti a mano che tracciano seducenti sfumature di colore sulle pregiate sete di questi abiti pensati per una sposa fresca e giovane. Giorgia Albanese, terza generazione di donne ed imprenditrici nella moda, è la giovane e brillante titolare de La Vie En Blanc Atelier, affermata realtà Capitolina nel quartiere Prati, vicino Piazza Mazzini che ha voluto proporre queste creazioni alle giovani spose, simbolo di eleganza e leggerezza, un omaggio alla primavera, stagione della rinascita della natura, capace di esaltare la bellezza femminile. Ad accompagnare le soffici ed eteree creazioni per la sposa de La Vie En Blanc Atelier, troviamo l'eleganza sartoriale degli abiti per lo sposo proposti da Carosi Uomo, Maison  maschile di  Via Capo Le Case, a due passi da Piazza di Spagna, magistralmente diretta da Roberto Carosi, che propone un'eleganza canonica interpretata in chiave fashion, attraverso personalizzazioni moderne e dettagli di stile sartoriale, per uno sposo moderno, attento ai canoni di un'eleganza maschile, che non perda di vista le ultime tendenze. Tra i partner presenti il wedding photographer Girolamo Monteleone e la make-up & hair stylist Simona Augieri. Stephane Vanier: un nuovo talento Luogo di nascita: Sono nato a Parigi (15° Distretto) il 6 gennaio 1993 Come sono diventato un modello professionista? Quando ero a Parigi molte persone (sconosciute) mi hanno detto che sarei dovuto diventare un modello e intraprendere quella strada perché ne avevo “l'aspetto e il look”; non avevo capito molto bene cosa ciò significasse (avevo 16 anni) e quindi non avevo cominciato a fare nulla a riguardo dato che semplicemente non riuscivo a comprendere cosa le persone intendessero quando mi dicevano che avevo il look per essere un modello. A 16 anni ( da solo) mi sono trasferito negli Stati Uniti per frequentare il liceo e lì, così come durante la mia permanenza negli USA, molte persone mi hanno detto esattamente la stessa cosa, ossia che avevo il look e tutto quello che serviva per essere un modello, sia che fossero amici di scuola sia addirittura i loro genitori. Tuttavia, anche allora non avevo ascoltato quello che mi dicevano. A distanza di 6 mesi e dopo un breve periodo a Parigi mi sono trasferito a Londra quando avevo 17 anni, ancora una volta da solo, per scoprire nuove opportunità di vita e di business. Mentre mi trovavo a Londra, ancora mi ero sentito dire esattamente la stessa cosa, cioè che avevo il look per essere un modello. Dopo essermi sentito dire che a avevo “l'aspetto e il look ” per essere un modello da svariate persone di 3 Paesi differenti attraverso 2 continenti, ho finalmente preso in mano l'idea per vedere cosa fosse esattamente questa cosa di “ fare il modello”.  Come sono stato ingaggiato? A 18 anni, mentre vivevo a San Francisco, ho fatto un servizio fotografico per un amico fotografo che necessitava di un modello per un suo progetto scolastico e dunque mi sono offerto volontario pensando che durante il servizio avrei potuto scattare alcune polaroid einviarle ad un'agenzia di modelli. Dopo aver ricevuto le foto la settimana successiva, le ho inoltrate ad un'agenzia di modelli a Los Angeles. Personalmente, odiavo così tanto quelle foto da pensare che mai avrei potuto ottenere risposta, ma invece già un paio di giorni dopo l'agenzia di Los Angeles si era mostrata così interessata da offrirmi subito un contratto da modello.Dopo avere firmato con l'agenzia Click di Los Angeles, subito di seguito ho firmato anche con Clickdi New York e, nel giro di un paio di mesi, anche con City Models di Parigi e con quella attualmente conosciuta come The Lab di Milano. Ho partecipato a molte Settimane della Moda di Parigi, così come a quelle di Milano, San Francisco e New York. Ho lavorato con parecchi marchi internazionali attraverso diversi continenti, spaziando da tutta Europa, all'Australia, a molti Paesi dell'Africa e della Corea, Giappone e molti altri ancora in nord e sud America.  Piani futuri: Ho viaggiato e lavorato in tutto il mondo e il piano è quello di continuare a tenere questo passo, dato che sto avendo un enorme successo e che in questo modo ho la possibilità di ottenere contatti per future collaborazioni di business. Sono stato così fortemente richiesto ovunque da pensare che non mi fermerò ancora per molto tempo, visto che i marchi più grandi del mondo nelle città più influenti globalmente continuano con le offerte di lavoro. (Mettere crediti per traduzione: Sofia Pelanda Mazza) A sorpesa arriva Andrea Bocelli Edizione speciale del Cenacolo di Arturo Artom ospitata da Francesco Micheli. È stata la serata delle grandi sorprese: la prima dopo che gli ospiti si erano accomodati nella sala dell'Ermellino ed avevano già ascoltato lo chef Davide Oldani ripercorrere la sua straordinaria carriera. Da una porta secondaria entrano in sala, tra lo stupore generale, Andrea e Veronica Bocelli, accolti da un ovazione  E qui inizia l'happening, prima con i ricordi sugli inizi, poi del rapporto con Luciano Pavarotti e della consacrazione in America, poi con la moglie Veronica che ha illustrato le attività benefiche dell'Andrea Bocelli Foundation ed infine con Mario Lavezzi che ha regalato insieme ad Andrea un coro generale sulle note de "Il mio canto libero" di Battisti. Si girano poi le sedie e la giovane e talentuosa concertista Gile Bae delizia gli ospiti con Chopin ed una strardinaria fuga di Bach. Si prosegue nel confronto sul futuro di Milano con Philippe Daverio, il direttore di Brera James Bradburne, quello di Palazzo Reale, Domenico Piraina, Rossana Orlandi, Umberta e Franco Beretta, Daniela Javarone, Marco Gualtieri, Paola Manfrin, Davide Bertellini, Ilaria d'Urso, Alessandra Repini Artom, fondatrice di YouDONATE, il portale delle donazioni regalo.Gran finale allo scoccare della mezzanotte con Mario Lavezzi che al pianoforte intona happy birthday e l'arrivo a sorpresa della torta con le candeline per i 53 anni di un commosso Arturo Artom. Infine Andrea Bocelli in grande forma si mette lui stesso al Pianoforte ricordando come questo fosse lo spirito delle serate culturali dell'800, chiedendo poi a Gile Bae un bis finale con Chopin...che serata! Ricordiamo che il Cenacolo é diventato anche un format: lo si può vedere ogni mercoledì sul canale 512 di Sky alle 21.30.        Andrea Foti: un grande musicista Ecco cosa ci dice li lui uno delle nuove grandi promesse della musica italiana:"Mi chiamo Andrea Foti, ho 23 anni e sono un musicista. Ho iniziato a studiare musica nei primi anni di scuola elementare iniziando a studiare diversi a strumenti prima di arrivare al pianoforte, strumento che ancora oggi mi accompagna nel mio viaggio artístico. Negli ultimi anni ho iniziato diversi percorsi di studi musicali, fra cui direzione d'orchestra, composizione e musicologia. Con la direzione d'orchestra e il pianoforte posso dire di aver trovato la mia essenza artistica in quanto mi offre la più ampia varietà di espressione artistica. Infatti l'orchestra è una tavolozza che contiene tutte le sfumature di colore, dalle più intime alle più grandiose. Ho collaborato con festival importanti come il Mantova Chamber Music Festival e da poco ho iniziato un percorso discografico che spero mi permetterà di esprimere tutto quello che per me la musica è.Grazie alla musica ho imparato la cosa più importante nella mia vita: ASCOLTARE. Un verbo sulla bocca di tanti ma nella mente e nelle orecchie di pochi. " Matteo Bocelli e BVLGARI ai DAVID DI DONATELLO Matteo Bocelli, nella foto,alla premiazione dei David di Donatello  ha indossato orologio Bvlgari Octo Finissimo Tourbillon .Andrea Bocelli  ha indossato un paio di gemelli Bvlgari in oro; sua moglie Veronica Berti un paio di orecchini  High Jewelry Serpenti Bvlgari in oro bianco, smeraldi e diamanti, anello High Jewelry Bvlgari in platino e diamanti, anello High Jewelry Serpenti Bvlgari in oro bianco con tanzanite, smeraldi e diamanti. Isabella Ferrari  ha indossato orecchini in oro bianco e smeraldi con pavè di diamanti, anello High Jewelry Serpenti Bvlgari  in oro bianco e smeraldi con diamanti, anello  High Jewelry Bvlgari in platino e diamanti.Stefania Rocca ha indossato bracciale High Jewelry Bvlgari in oro rosa con corallo, onice e diamanti ed anello en pendant Le molestie nel cinema: il regista Campanella trent'anni fa aveva già raccontato tutto. In “Strepitosamente… flop”, film d'esordio dietro la macchina da presa del bravo regista romanoPierfrancesco Campanella, vengono mostrati in tempi non sospetti, sia pure in chiave comico-grottesca, quei retroscena un po' piccanti balzati recentemente al… “disonore” delle cronache. Attori e attrici alle prime armi costretti a subire imbarazzanti advances da parte di registi e produttori un po' sporcaccioni! Non solo questo: nella simpatica pellicola di Pierfrancesco, appena riuscita in versione dvd a cura dellaCG Entertainment, c'è una vera e propria carrellata di tic, mode e manie di fine anni ottanta. Dai “santoni” delle sette pseudo-religiose, alle diete miracolose, dai finti maghi alla smania della notorietà a tutti i costi, fine a se stessa, in seguito esasperata dall'avvento dei reality show. Insomma un campionario di varia umanità con vizi e debolezze quanto mai attuali. La pellicola è stata proiettata sere fa alla Sala Anica di Roma, nel corso di un evento esclusivo cui hanno partecipato un folto numero di amici del regista e di addetti ai lavori. Tante risate e applausi a scena aperta, soprattutto nei confronti della mitica rockstarDonatella Rettore,che ha fornito un'interpretazione brillantissima e ricca di verve, tanto che alcuni critici dell'epoca paragonarono la biondissima cantante veneta alla celeberrima diva americana Shirley Mc Laine. Apprezzatissimi anche gli altri interpreti del film: la sempre affascinanteDalila Di Lazzaro, la bravaAdriana Russo,Yvonne Sciò, nel momento delle riprese meravigliosa fanciulla in fiore,Urbano BarberinieClaudia Cavalcanti. Questi ultimi due erano per l'appunto presenti alla proiezione dell'altra sera. Così come la regina dei salotti romaniMara Keplero, i produttoriEnzo Gallo,Angelo Bassi,Vincenzo Bonomo,Massimo Esposti,Stefania Innocenzi,Angelo Frezza, i registiDaniele FalleriedEmanuele Pecoraro, lo sceneggiatoreDomenico Malan, gli artistiEster CampeseeMario D'Imperio, i direttori della fotografiaRoberto GiromettieAniello Grieco. Inoltre il noto ingegnere informaticoPaolo Reale, presenza fissa della trasmissione “Quarto grado”, l'ex questoreAntonio Del Greco, oggi direttore operativo di una importante agenzia investigativa, gli attoriAlex PartexanoeLamberto Consani, i musicistiEugenio Picchiani,Marco WerbaedEugenio Tassitano, i giornalistiAntonello De Pierro, Enzo Cast Fasoli, Giò Di GiorgioeDeborah Bettega. Una menzione speciale per lo sceneggiatoreLorenzo De Luca, artefice dei copioni dei cine-panettoni di maggior incasso con Boldi e De Sica, e da anni stretto collaboratore di Campanella. Infine gli interpreti del cortometraggio “Pensiero giallo”, diretto dallo stesso Pierfrancesco, proiettato come delizioso “antipasto”:Luciana Frazzetto,Gianni Franco,Chiara CampanellaeMatteo Campanella, questi ultimi nipoti del bravissimo regista. Su tutti spiccava però la presenza di due amiche davvero “speciali”, le splendide Miss Italia tra le più belle in assoluto nella storia del concorso:Mirca Viola(oggi apprezzata regista cinematografica) eNadia Bengala (interprete del corto “L'idea malvagia”, ultimo lavoro di Campanella). La serata è stata autorevolmente presentata dal professorFabio Melelli, docente di Storia del Cinema presso l'Università di Perugia. Crystal Couture alla CFN Lo scorso 23 marzo a Phoenix in Arizona (U.S.A.) si è svolta la XXV^ edizione della Celebrity Fight Night uno dei più importanti e celebrati eventi di beneficienza degli Stati Uniti che da 25 anni supporta la fondazione del celebre pugile Muhammed Ali attiva nella lotta contro le malattie neurologiche. Crystal Couture Milano, unico brand italiano presente,è stato scelto per il quarto anno consecutivo dalla CelebrityFight Night per realizzare il bracciale ufficiale dell'evento.Il bracciale limited edition personalizzato con la placchetta della CFN è stato realizzato in soli 500 esemplari per gli ospiti della serata di gala. Si conferma, dopo la partnership con le ultime quattro edizioni della Celebrity Fight Night in Italy e tre edizioni a Phoenix, la collaborazione tra i brand Crystal Couture Milano e Celebrity Fight Night.Attraverso questo grande evento in 25 anni sono stati raccolti oltre 125 milioni di dollari che sono andati a finanziare l'attività del Muhammad Ali Parkinson Center at Barrow Neurological di Phoenix in Arizona.Le più grandi celebrities mondiali nel campo del cinema, della musica e dello spettacolo si sono succedute in questi due decenni sul palco della Celebrity Fight Night. Solo per ricordarne alcuni citiamo: Roberto De Niro, Kevin Costner,Michael Johnson, Arnold Schwarzenegger, Michael Bublé, Lionel Richie, Andrea Bocelli, Whitney Houston, Steven Tyler.Quest'anno sono saliti sul palco della CFN: David Foster (direttore artistico), Quincy Jones,Barry Manilow,Reba Mc. Entire, Brian McKnight, e Angelica Hale talento di soli 11 anni proveniente da America's Got Talent.Il fondatore della CFN Jimmy Walker e il ceo Sean Currie hanno accolto gli oltre mille ospiti della cena di gala nel salone delle feste del JW Marriott Desert Ridge Resort di Phoenix per una splendida serata all'insegna del divertimento e della beneficenza. Crystal Couture Milano è un lifestyle brand nato nel 2007 a Milano da una “brillante” idea di Paola Boscolo e Davide Bertellini di poter personalizzare qualunque oggetto impreziosendolo con stupendi cristalli luccicanti.Dal sandalo-gioiello, alle borse da sera, agli accessori, dall'abbigliamento casual agli abiti da cocktail e da sera, agli apparecchi high-tech fino agli oggetti di design. Nessun limite se non quello della propria fantasia.Ogni cliente di Crystal Couture Milano può realizzare il proprio sogno di cristalli personalizzato e unico. Il tutto fatto a mano utilizzando i materiali più preziosi e ricercati.Crystal Couture Milano ha sviluppato negli anni le tecniche necessarie per poter applicare e personalizzare qualunque oggetto o materiale, studiando per ognuno di essi il modo migliore per garantire un risultato ottimale. Da qui la possibilità di realizzare anche merchandising con Swarovski o allestimenti per il mondo del wedding e della cerimonia in genere, personalizzati con cristalli Swarovski.Nella foto Quincy Jones con Davode Bertellini  Chateau Monfort: lusso e raffinatezza Si apre con un giorno di anticipo la primavera milanese firmata Chateau Monfort, l'unico Urban Relais Chateaux di Milano che il 20 di marzo ha festeggiato l'inizio della nuova stagione con un evento esclusivo .Nella splendida cornice del lounge bar mezzanotte e la sua cupola di Cristallo, Giansante Gioielli  famoso in tutto il mondo per il suo made in Italy ricercato, ha presentato la collezione con i pezzi più preziosi  a tema primaverile e devolvendo parte del ricavato  a CasAmica Onlus , da sempre impegnata al sostegno e all'accoglienza di malati e dei loro famigliari che devono soggiornare lontano da casa.Amici di Chateau Monfort e clienti internazionali , avvolti come in un sogno nel centro della città di Milano e accompagnati dalla Musica travolgente del Dj Max Mantovani, pioniere dello stile Montecarlo nel mondo e ricercatissimo per i party delle celebrities , hanno creato una serata di gran classe in questa nuova primavera appena arrivata . Ariana Mali e il Dito Divino Ariana Mali, ideatrice e proprietaria del DITO DIVINO-Pure Italian touch-in Via Gaetano Negri 3 a Milano, ha organizzato la degustazione degli Spumanti Torre degli Alberi. Erano presenti i produttori con l'enologo Guido Beltrami e i vini erano abbinati alle specialità di Dito Divino.I Dal Verme sono una storica famiglia nobiliare; Torre degli Alberi è un piccolo borgo raccolto intorno a una torre trecentesca, da sempre proprietà dei Dal Verme. Originari di Verona, dove si distinsero come condottieri, i Dal Verme si trasferirono nella seconda metà del Trecento in Lombardia al servizio dei Visconti, che premiarono la loro fedeltà con il feudo dell'Oltrepò Pavese, un tempo esteso tra Voghera, Bobbio e la val Tidone.Torre degli Alberi, dapprima presidio di avvistamento del castello di Zavattarello, è diventata dall'Ottocento dimora di famiglia.Le terre sono state condotte a mezzadria con la coltivazione di cereali, foraggi e vite, finchè Luchino, dopo la guerra che lo ha visto impegnato anche nella Resistenza partigiana, ha integrato la produzione agricola con l'attività zootecnica, che da subito si è distinta per le tecniche d'avanguardia nell'allevamento avicolo e poi bovino.Ora la conduzione dell'azienda è passata al figlio Camillo e al nipote Filippo, che l'hanno sviluppata con nuove attività, tra cui la coltivazione della vite.Dito DiVino – Milano ha un animo italiano, l'idea nasce dal concetto di socializzazione attorno a un grande tavolo di legno, quando ci si attardava e si versava un “Dito DiVino” agli ospiti, assaggiando la cucina di casa. Come nella mente del musicista le note vibrano prima di esser scritte o suonate, così al Dito DiVino i profumi dei Vini Nobili Italiani ed i Sapori della tavola sono presenti prima di accendere i fornelli e offrire il Vino. Questi sapori e questi profumi Milanesi e Italiani ci accompagnano da tutta la vita e tengono viva la nostra memoria. Accogliente ed intimo, infatti, il Dito DiVino, nato dall'idea di Ariana Mali, albanese di nascita, ma Italiana di adozione, è un punto di incontro, per le signore della Milano Bene, è il luogo ideale per il Thè esclusivo, con squisiti dolci fatti in casa, per il dopo shopping tra le vetrine del centro, ma anche per giovani professionisti ed intenditori e per personaggi del mondo dell'editoria e del giornalismo, attenti e sensibili a prodotti di qualità, abituati a viaggiare e sperimentare. Dito DiVino è il nuovo salotto e accoglie eventi degustazione, presentazioni di libri, shooting fotografici, sfilate, in collaborazione con la vicina galleria e il dehor esterno, riscaldato d'inverno, serate a base di sigari e cioccolato. I protagonisti sono sempre i profumi dei migliori vini ed i sapori di una volta in una location dal design italiano con una grande attenzione alla componente estetica e all'utilizzo delle tecnologie. Un luogo unico nel cuore di Milano, a pochi passi da Piazza Affari, per sostare allegramente in compagnia o concedersi un momento di relax sfogliando uno dei nostri libri. Aperto dalla prima colazione all'aperitivo serale, con piattino servito al tavolo, taglieri, finger food, in una vera e propria “bomboniera del gusto”.Nella foto, in verde, Ariana Mali, con Giacinta Dal Verme, alcune amiche e il suo Press Office, la Luxury Consultant Francesca Lovatelli Caetani   Tutti al Mejor: il tempio della musica Se desideri trascorrere una serata diversa dal solito, gustando dell'ottimo cibo in compagnia di tanta buona musica, il Mejor Milano – Restaurant cafè è il ristorante con musica dal vivo che stavi cercando. Nel centro della città, a due passi da Corso Buenos Aires, il  locale ti sorprenderà con le sue pietanze e l'atmosfera divertente e allegra in grado di creare serate all'insegna del buon umore e del relax. A fare da sottofondo la musica dal vivo con piano bar e artisti pronti ad accompagnarti dall'aperitivo fino al dopocena. Nel ristorante con musica dal vivo potrai gustare una deliziosa cena, stupire i tuoi amici, oppure la tua compagna, grazie ai sorprendenti menù e alla partecipazione di grandi artisti e ospiti. Ad animare le serate, il venerdì Lorenzo Zambianchi e il sabato Paolo Manila. Nelle foto il patron del Mejor Pasquale Battaglia sopra con Paolo Manila, sotto con Lorenzo Zambianchi.   Grande Charity per AIOM Grande serata all'Hotel Palazzo Parigi per la fondazione Aiom, Uniti per vincere il cancro. Un fantastico charity party con la partecipazione di Rudy Smaila e Miss DJ Paulette che hanno deliziato i conevenuti con la loro musica, Una serata allegra e divertente che ha dadunato medici famosi e personaggi del mondo dello spettacolo come Simona Ventura, nella foto con Paola Neri e Giovanni Terzi, e Barbara D'Urso. Presenti Saniela Javarone, Riccardo Signoretti, Leonardo Xavier, Elena D'Ambrogio Navone e molti altri.Stefania Gori, la presidente di Aiom dice:"L'ASSOCIAZIONE ITALIANA di Oncologia Medica (AIOM) fondata nel 1973 a Milano ha contribuito in maniera determinante allo sviluppo e all'innovazione di tutti i settori dell'oncologia: prevenzione, caratterizzazione molecolare, cure personalizzate, strategia diagnostico-terapeutica multidisciplinare, umanizzazione, continuità di cure. Un percorso autorevole e scientifico molto lungo ma che ha ormai reso indissolubile in Italia l'identificazione tra AIOM e oncologia. I vari gruppi di lavoro, in collaborazione anche con altre Società Scientifiche, hanno realizzato molti progetti, tra i quali: I NUMERI del CANCRO in ITALIA 2017 che riporta la descrizione analitica dell'epidemiologia dei tumori; IlLIBRO bianco dell'oncologia 2017che illustra le caratteristiche delle oltre 300 oncologie italiane censite; 35LINEE GUIDA AIOM 2017strumento che fornisce raccomandazioni diagnostico-terapeutiche basate sull'evidenza; RACCOMANDAZIONI AIOM-SIAPEC su strumenti d'appropriatezza relativa alla gestione chimica e laboratoristica dei test bio-molecolari; Raccomandazioni relative all'implementazione del test BRCAnella gestione della paziente con carcinoma ovarico. AIOM è una società moderna, vicina ai pazienti e quindi sensibile anche agli aspetti psicologici e sociali dei pazienti e dei loro familiari, alla comunicazione e alla collaborazione operativa con le associazioni dei pazienti. I giovani oncologi sono stati e saranno il punto di forza di AIOM: molto abbiamo investito sulla loro formazione, sul loro aggiornamento e sul loro pieno coinvolgimento nelle varie attività della società e ormai da molti anni è stato costituito il WG AIOM giovani. Nell'ambito di una necessaria collaborazione nella assistenza al paziente oncologico con gli infermieri, AIOM ha costituito inoltre un Working Group infermieri per facilitare la formazione specifica degli infermieri che lavorano in oncologia. Abbiamo poi pensato anche ad altre figure, essenziali per la conduzione della ricerca clinica, i coordinatori di ricerca clinica (data manager), ancora non riconosciuti a livello burocratico-amministrativo, costituendo nel 2015 un WG specifico. Queste caratteristiche rendono oggi AIOM il punto di riferimento del mondo oncologico italiano, delle istituzioni nazionali e regionali. AIOM rappresenta inoltre la società scientifica oncologica più rappresentativa in ESMO (European Society of Medical Oncology). Entra a far parte del mondo oncologico italiano!"

Dai blog